Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Nu Guinea, storia di due dj napoletani che da Berlino hanno conquistato il mondo

Berlino via Napoli, i Nu Guinea si fanno sentire all’estero. Tra pochi giorni escono con un nuovo lavoro. Una raccolta di rarità di musica napoletana del periodo ’70 ’80

Un duo di dj e produttori musicali di Napoli ma di stanza a Berlino ormai da qualche anno si sta facendo conoscere sempre di più all’estero. Nel 2018 hanno attirato l’attenzione del pubblico grazie al loro secondo album Nuova Napoli. Inoltre si sono contraddistinti per le loro esibizioni che sono state pubblicate anche in canali importanti di Youtube. Tra poco ritorneranno con una compilation di rarità di musica napoletana degli anni ’70’-80. Napoli Segreta che è arrivata al secondo volume. I Nu Guinea sono una delle realtà più interessanti del panorama italiano di questi ultimi anni. Lucio Aquilina e Massimo Di Lena sono specializzati in dj set con selezioni di rarità in vinile. Il tutto accompagnato da assoli di tastiere. Il gruppo spazia tra sonorità funk, disco e afrobeat. All’attivo con un ep, due singoli e due album in studio The Tony Allen Experience del 2016 e Nuova Napoli del 2018.

L’album Nuova Napoli è stato una delle proposte musicali più interessanti del 2018

Proprio grazie all’ultimo album, i due si sono fatti conoscere da un pubblico più vasto. Il lavoro è stato considerato una delle proposte musicali più interessanti di quell’anno. Per la produzione sono stati affiancati a una band, in questo modo hanno anche diversificato i loro live. Il nome Nuova Napoli è un omaggio a un film della prima metà degli anni ’80 No Grazie, Il Caffè Mi Rende Nervoso. Le sonorità disco, funk e fusion strizzano l’occhio a un sound vintage internazionale, senza dimenticare la radice partenopea dei vari Pino Daniele, James Senese e Tullio De Piscopo. In questi anni hanno lavorato molto a livello internazionale grazie ai loro dj set, che si caratterizzano per l’uso di vinili praticamente introvabili e dall’uso delle tastiere per l’improvvisazione. Alcuni esempi si possono vedere sul canale di YouTube Boiler Room, che pubblica i dj set dei dj più interessanti a livello internazionale ripresi interamente dalle telecamere. In un’intervista del 2018 si sono espressi sulla capitale tedesca e le differenze con l’Italia «Berlino ha dei lati positivi incredibili. Dal punto di vista delle pubbliche relazioni, ma soprattutto in quanto a vivibilità. Questa città mi sembra un luogo di passaggio, ottima per iniziare dei progetti o per portare avanti delle idee. E poi diciamo che un lato negativo dell’Italia, che abbiamo vissuto, soprattutto in passato, in prima persona, è che spesso capita che i promoter si calpestano i piedi a vicenda. Se suoni là non puoi suonare qua, se fai questo non puoi fare quello. Questa sorta di mini dittatura che c’è in Italia noi a Berlino non la viviamo assolutamente».

Napoli Segreta Vol.2, i live e i numeri su Spotify

Oltre alla produzione musicale, i Nu Guinea hanno pubblicato nel 2018 la raccolta Napoli Segreta Vol. 1. Per la selezione delle tracce hanno riportato alla luce alcune canzoni disco napoletane ormai dimenticate di fine anni ’70 inizio anni ’80. Il 14 febbraio escono con il volume 2. Nel frattempo sono all’attivo con varie esibizioni che li porteranno in Francia, Inghilterra e in Spagna al Sonar Festival. Durante il 2019 si sono esibiti in paesi come Australia, Brasile, Germania e Turchia. Inoltre nel 2019 hanno totalizzato 4,6 milioni di visualizzazioni su Spotify. Potete trovare la loro musica anche su Soundcloud e Youtube, oltre che sulla loro pagina Facebook:

Leggi anche: “Berlino 1980, la storia dell’ultimo concerto dei Led Zeppelin”

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Picture: screenshot from Youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *