Germania, rifiutata la cittadinanza a uomo che non stringe la mano a funzionaria

L’uomo era riuscito a passare tutti i test, ma il rifiuto di stringere la mano a una donna ha fatto sì che la cittadinanza gli fosse subito negata

Un dottore di origine libanese di 40 anni, residente in Germania dal 2002, si è visto rifiutare la cittadinanza tedesca dopo aver superato brillantemente tutti i test per ottenerla nel 2015. Secondo quanto riportato da Deutsche Welle, l’uomo si era rifiutato di stringere la mano alla Presidentessa della Commissione  per ‘motivi religiosi’. La donna si era quindi rifiutata di consegnarli il certificato di cittadinanza. Subito il dottore si era rivolto al Tribunale di Stoccarda che non aveva accolto il suo ricorso e, successivamente, al Tribunale amministrativo del Baden-Württemberg che venerdì scorso ha emanato la sentenza. Anche in questo caso il giudice ha negato la cittadinanza tedesca all’uomo affermando che «chi si rifiuta di stringere la mano a una donna a causa di una visione fondamentalista, perché vede in lei una ‘tentazione sessuale’, non può integrarsi pienamente in Germania».

L’uomo aveva promesso alla moglie di non stringere la mano ad altre donne

In Germania dal 2002, l’uomo lavora oggi come medico, dopo aver completato il suo percorso di studi nelle università tedesche. Aveva cominciato l’iter burocratico per ottenere la cittadinanza tedesca nel 2012, firmando una dichiarazione di lealtà alla Costituzione della Germania e affermando di essere contrario a qualsiasi forma di estremismo. Dopo essersi rifiutato di stringere la mano alla Presidentessa della Commissione, l’uomo aveva dichiarato al giudice che l’aveva fatto perché aveva promesso a sua moglie che non avrebbe mai stretto la mano a nessun’altra donna. Una giustificazione che ai giudici non è bastata. Adesso l’ultima possibilità per l’uomo è quella di rivolgersi al Tribunale federale.

Il giudice ha sottolineato l’importanza che la stretta di mano ha nella cultura tedesca

Il giudice del Tribunale amministrativo del Baden-Württemberg ha spiegato che stringersi la mano è una sorta di ‘rituale d’addio’ che non ha niente a che vedere col sesso della persona. Ha inoltre sottolineato come questo gesto non verbale sia presente nella nostra cultura da secoli e sia ormai «profondamente radicato nella vita sociale, culturale e giuridica». Inoltre la stretta di mano avrebbe anche un significato legale, in quanto simboleggerebbe la conclusione di un contratto o di un patto tra due persone.

Leggi anche La Germania garantirà asilo politico ad un manifestante di Hong Kong

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Stretta di mano Foto di Gerd Altmann da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *