Germania, focolaio in chiesa. Più di 100 contagi

Nuovo focolaio di Coronavirus in una chiesa della Germania settentrionale

Nella chiesa di Bremerhaven, una città portuale nel nord della Germania, sono state individuate 112 persone infette da Coronavirus. Inoltre, un membro della comunità della comunità religiosa è deceduto. Secondo quanto ha riferito dall’emittente nazionale tedesca Redaktionsnetzwerk Deutschland (RND), la vittima, un uomo di anni 75, è morto giovedì scorso a casa. Era in condizioni mediche preesistenti e solo dopo il decesso si è scoperto che l’anziano aveva contratto il virus. Il focolaio scoppiato nella chiesa di Bremerhaven è collegato alla funzione di Pentecoste che si è svolta nei primi giorni di giugno. Si stima che circa 150 persone abbiano preso parte alla funzione religiosa. Venerdì, il ministro della salute di Bremen ha annunciato che i contagi erano 44. Tuttavia il numero dei risultati positivi al tampone è salito notevolmente. Questo aumento ha portato anche al superamento del valore soglia fissato dal governo federale di oltre 50 nuove infezioni in sette giorni per 100.000 abitanti. Le autorità stanno ora discutendo se Bremerhaven avrà di nuovo restrizioni più severe per il Corona. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, il virus probabilmente non si è trasmesso durante le funzioni religiose, ma durante i contatti sociali tra i parrocchiani stessi.

Sospesi gli incontri della comunità religiosa

Attualmente le autorità stanno rintracciando le persone con cui la vittima è stata in contatto nell’ultimo periodo.
La comunità religiosa è formata principalmente da famiglie russo-tedesche. Secondo i rapporti della città, i membri della congregazione conducono una vita segreta – in parte, plasmata dalla loro esperienza di persecuzione come cristiani e minoranza nazionale in Unione Sovietica, ha riferito RND. Quando le infezioni sono scoppiate, gli infermieri a domicilio hanno incontrato le famiglie, esortandole a sottoporsi ai test e a seguire le norme di quarantena. Nel frattempo, tutti gli incontri nella comunità sono proibiti per almeno due settimane.

Non è la prima volta che una chiesa in Germania è al centro di un’epidemia

Molti Stati tedeschi hanno permesso che i loro luoghi di venerazione riaprissero a metà maggio, due mesi dopo che le misure del Coronavirus li hanno costretti a chiudere. Ci sono stati diversi focolai di infezione da COVID-19 legati alle chiese e alle funzioni religiose. Ad esempio, nella città di Francoforte sul Meno e nei dintorni, ci sono stati circa 40 casi di contagi, i quali sono stati ricondotti a una funzione religiosa battista che ha avuto luogo il 10 maggio. Inoltre, all’inizio di giugno, il virus è stato diagnosticato a un sacerdote cattolico che si è recato in tre città per celebrare le funzioni nello stato tedesco del Meclemburgo-Pomerania occidentale, causando la quarantena di altre 12 persone.

Leggi anche: Online la ”Immuni” tedesca costata 20 milioni di € (in Italia 0 e forse non è un bene)

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Pixabay

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] durante una pandemia. E magari qualcuno si chiede come mai succedono cose come questa, questa, o quest’altra, oppure questa o questa. Ce ne sono altre, certo, ma non volevo esagerare perché mi sembra un […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *