Germania, allo studio prima legge per autorizzare la guida automatizzata

La Germania sta preparando una serie di leggi per permettere la commercializzazione della tecnologia di guida autonoma di Livello 4 già dalla prossima estate. Che sia proprio la nazione tedesca la prima a creare una legislazione sul tema?

Il Ministero dei Trasporti del Governo tedesco ha dichiarato: «Il nuovo quadro giuridico dovrebbe creare i prerequisiti nell’attuale periodo legislativo per consentire il normale funzionamento di veicoli autonomi e senza conducente su strade pubbliche, limitato geograficamente a un ambiente definito. I veicoli senza conducente dovrebbero essere abilitati per una vasta gamma di varie applicazioni senza la necessità di regolare definitivamente un caso d’uso specifico. Questa flessibilità consente di prendere in considerazione varie forme di mobilità». La legislazione non è stata ancora resa pubblica perché attualmente si trova nella fase di revisione interdipartimentale. Benedikt Wolfers, partner dello studio legale Posser Spieth Wolfers & Partners, ha dichiarato che ciò va oltre la sperimentazione di prototipi in quanto è espressamente indirizzato alla commercializzazione di veicoli per il trasporto autonomo di persone e merci. «Finché non saranno in vigore norme a livello UE, gli stessi Stati membri possono andare avanti. La Germania vuole essere il primo paese a redigere una simile legge» ha concluso Wolfers.

I primi robotaxi potrebbero arrivare già dalla prossima estate

Tutte le proposte devono essere approvate prima di arrivare davanti ai membri del parlamento tedesco e in definitiva alla camera. Ma nel 2017 la Germania aveva già approvato una legge che permette ai conducenti di spostare il controllo della propria auto su un computer di bordo. Se le varie norme venissero approvate, diventerebbe il primo quadro giuridico completo che copre i requisiti di omologazione e di traffico per i robotaxi, il cui veicolo è controllato da un computer in qualsiasi momento, secondo quanto affermato da Autonews Europe.

L’Autopilot Tesla in Germania e gli annunci di Elon Musk

https://www.flickr.com/photos/oninnovation/4334263433/in/photolist-7B1evT-7B19KB-7B4WMj-7B4Vvs-7B4Vb9-7B4Yvh-7B4Wuo-7B1dQe-7B1bPZ-7B4XAN-7B1a3r-7B17LF-7B1cW2-7B1aaX-7B4RXW-7B53aN-7B1dTM-7B191a-7B14oT-7B51wE-7B53A5-7B1eMB-7B1ezk-7B51U5-7B4Z47-7B1aHX-7B4X4C-7B1e6g-7B51F5-7B4SNS-7B14Wt-7B18Ui-7B1a8V-7B1eYt-7B52LQ-7B53sj-7B4Z9U-7B1awH-7B1eAZ-7B4Wbb-7B1dKP-7B4XNE-7B4VT5-7B4VrN-7B1eQF-7B14SB-7B1eHa-7B1b1Z-7B4Szj-7B1cAV

Fonte: Flickr

L’Autopilot Tesla è da sempre circondato da uno sciame di commenti e colpi di scena. Stavolta è stata la Germania a tenere banco, vietando riferimenti all’Autopilot. L’organo Antitrust ha infatti posto il veto sulle pubblicità dell’azienda statunitense di Elon Musk in cui è usata la parola Autopilot o altri riferimenti alla guida autonoma. La compagnia ha risposto in sua difesa che l’auto richiede “un guidatore nel pieno della sua attenzione, che ha le mani sul volante ed è pronto a subentrare in qualsiasi momento” e che è piuttosto chiaro che la guida assistita presente nei suoi veicoli non è intesa a sostituire il guidatore dietro al volante.

Leggi anche: Tesla ha vinto, costruirà la sua fabbrica dove ora c’è una foresta

Studia tedesco via Zoom/Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: Flickr

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *