A perfect crime - Screenshot da YouTube

A Perfect Crime, la serie Netflix tedesca su un celebre omicidio irrisolto post riunificazione.

“A Perfect Crime” disponibile dal 25 Settembre: la docu-serie Netflix sul caso dell’omicidio di Detlev Rohwedder avvenuto nel 1991

Per la sua nuova serie “crime”, Netflix ha scelto di raccontare uno dei gialli più misteriosi della recente storia tedesca: l’irrisolto assassinio di Detlev Rohwedder avvenuto nel 1991. La vicenda risale al periodo post riunificazione, quando Rohwedder era un politico tedesco, esponente di spicco del Partito Socialista Democratico. Egli venne ucciso da un proiettile il 1° Aprile 1991, a soli 58 anni, mentre si trovava nella biblioteca che si trovava al secondo piano della sua casa a Düsseldorf. Sfortunatamente solamente il piano terra era stato dotato di vetri antiproiettili. L’uomo che sparò il colpo non venne mai esattamente identificato, nonostante le teorie furono molteplici. La serie analizza da diversi punti di vista tutte le varie prove disponibili al fine di rendere la vicenda più chiara ai suoi telespettatori.

Uscita e cast della serie.

La nuova serie “A Perfect Crime” è disponibile in streaming sulla piattaforma Netflix dal 25 Settembre 2020, pubblicata poco prima del 30° anniversario dell’Unità Tedesca celebrato il 3 ottobre. È composta da 4 episodi della durata di 40 minuti circa ciascuno nei quali vengono analizzati tutti i vari aspetti del famoso giallo. Scritta a quattro mani da Christian Beetz e Martin Behnke, rispettivamente anche produtture e regista. Il cast è composto da Alfred Hartung, Tobias Kasimirowicz, Beate Malkus, Peter Miklusz, Tom Pilath, Oliver Reissig e Juliane Werner.

Il caso rimasto irrisolto dell’ominicidio Rohwedder

Ancora oggi l’omicidio Rohwedder è un argomento molto dibattuto. I colpi furono sparati da un fucile calibro 7,62 × 51 mm standard NATO, lo stesso tipo che era stato utilizzato dalla RAF nell’attacco all’ambasciata americana nel febbraio dello stesso anno. Il cecchino non fu però mai identificato. Ad intrigare sempre più le indagini fu una ciocca di capelli rinvenuta nella scena del crimine. Le tecniche per estrarre DNA non erano ancora così sviluppate e solamente nel 2001 la ciocca di capelli fu identificata come appartenente al membro della RAF Wolfgang Grams, il quale risultava già morto in una sparatoria anni prima.

Leggi anche: Detlev-Rohwedder-Haus, la storia di uno dei pochi palazzi di Berlino sopravvissuti ai bombardamenti

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *