Immagine da Pixabay, autore skeeze CCO https://pixabay.com/it/users/skeeze-272447/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=744876

Ryanair lancia voli quotidiani per il Medio Oriente a partire da 20 euro

Berlino-Tel Aviv: torna disponibile il collegamento aereo

Tel Aviv a partire da ottobre 2019 torna a essere collegata con Berlino grazie a Ryanair. La città israeliana, situata sul Mar Mediterraneo, conta circa mezzo milione di abitanti. L’aeroporto di Tel Aviv in questione è quello di Ben Gurion. L’obiettivo dell’azienda di Micheal O’Leary  è raccogliere gran parte della domanda rimasta scoperta in seguito alla bancarotta della Germania Fluggesellschaft mbH, che effettuava voli verso Tel Aviv da diverse città tedesche, compresa Berlino. Come riporta Globes nel  mese di febbraio, la compagnia irlandese aveva annunciato un nuovo collegamento tra Tel Aviv e Marsiglia. Tel Aviv torna così a essere un’altra città del Medio Oriente collegata direttamente con la capitale tedesca dopo Istanbul, Adalia, Hurghada, Il Cairo, Doha e molte altre.

[adrotate banner=”34″]

Berlino – Tel Aviv: biglietti, disponibilità e prezzi

I biglietti sono in vendita già da fine marzo, con un’offerta lancio speciale pari a 82 NIS, la moneta ufficiale in Israele. In euro equivalgono a poco più di 20 euro, quindi un prezzo molto vantaggioso. Nello stesso mese Ryanair ha ufficializzato un nuovo piano fedeltà per i clienti abituali. Infatti, con un costo annuale di 200 euro, una nuova offerta consente di poter scegliere ogni volta il posto a proprio piacimento e di usufruire dell’imbarco rapido per ogni volo.

Ryanair, cosa c’è dietro a prezzi così bassi

La compagnia irlandese Ryanair, famosa per far viaggiare moltissime persone attraverso tutta l’Europa a prezzi particolarmente modesti, negli ultimi anni è stata oggetto di numerose critiche. Una delle più importanti è quella relativa ai contratti dei lavoratori di questa compagnia. Infatti non sono contratti nazionali, cioè del paese in cui assistenti di volo e piloti operano, ma contratti regolati dalle norme irlandesi, che impongono condizioni piuttosto svantaggiose. L’assenza per malattia non è pagata, non è previsto un orario per la pausa pranzo e gli stipendi sono nettamente più bassi in confronto a quelli delle altre compagnie.

Leggi anche: La storia del tedesco nominato papà dell’anno mentre la moglie sta per partire per lo spazio

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: © skeeze, CC0

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *