Einsturzende Neubauten dal vivo da Wikipedia CC2.0 https://de.wikipedia.org/wiki/Datei:Einstürzende_Neubauten_L1030007-Edit_(35617466976).jpg

Gli Einstürzende Neubauten annunciano un nuovo album nel 2020

Dopo 12 anni ritorna lo storico gruppo tedesco che quest’anno celebra 40 anni di carriera

Einstürzende Neubauten, uno dei più famosi e influenti gruppi sperimentali tedeschi, ha recentemente annunciato l’uscita di un nuovo album attraverso un comunicato sul sito ufficiale. «Dopo più di 12 anni, il nuovo atteso album in studio degli Einstürzende Neubauten sarà finalmente pubblicato e sarà presentato dal vivo con un lungo tour chiamato The Year Of The Rat. L’album e il tour segnano la quintessenza della produzione della band, aprendo un’altra porta inattesa in 40 anni di ricerca sonora. In The Year Of The Rat – il simbolo dell’ingenuità e della versatilità secondo l’oroscopo cinese – la band non riposa sugli allori Al contrario, continua ad esplorare tutto quello che l’universo sonoro ha da offrire, con un occhio al futuro e una giocosità senza limiti». Il The Year Of The Rat Tour toccherà vari paesi europei ma, al momento, non è prevista nessuna data in Italia.

[adrotate banner=”34″]

La carriera degli Einstürzende Neubauten è stata sempre caratterizzata da una forte ricerca sonora

Gli Einstürzende Neubauten nascono a Berlino Ovest nel 1980, la prima formazione della band vede tra le sue fila Blixa Bargeld, Beate Bartel, Gudrun Gut, Alexander Hacke, N.U. Unruh. Inizialmente il quintetto si faceva chiamare Geniale Dilettanten, per poi cambiare il nome del gruppo in Einstürzende Neubauten, letteralmente ‘nuovi edifici che crollano’ in riferimento alle nuove costruzioni che caratterizzavano la Berlino del dopoguerra. Fin da subito la band si impose come una delle più originali formazioni musicali di tutta Europa. La loro ricerca musicale era votata alla scoperta e all’utilizzo di nuovi rumori ottenuti attraverso strumenti non convenzionali provenienti soprattutto dalla civiltà industriale come lamiere, martelli pneumatici, tubi flessibili, seghe circolari. Il loro primo album, Kollapse, viene pubblicato nel 1981 e l’ascoltatore doveva fare i conti con una quasi totale assenza di melodia, sostituita da un baccanale di rumori. I Neubauten avevano gettato le basi del genere industrial e, nel corso degli anni, avrebbero influenzato decine di band di tutto il mondo come, solo per citarne alcuni, gli americani Nine Inch Nails, Pussy Galore e Ministry, i tedeschi Rammstein ma anche i nostrani CCCP. Blixa Bargeld fu fondamentale anche nella carriera solista di Nick Cave. Con lui Bargeld collaborò durante il suo periodo berlinese (ne abbiamo scritto qui), entrando a far parte del primo nucleo dei Bad Seeds, il gruppo che accompagnava Cave sia in studio che dal vivo abbandonandolo solo nel 2003. Molte delle sonorità che Cave utilizzò nei suoi primi capolavori sicuramente erano state suggerite da Bargeld, basti pensare a From Her to Eternity, dove Blixa suonava la chitarra con un rasoio.

Le date del The Year of The Rat Tour

Il The Year of The Rat Tour inizierà il 22 maggio sul palco del Forum Karlin di Praga per terminare a Londra il 30 settembre. Il giro di concerti vedrà gli Einstürzende Neubauten impegnati sui palchi di molti paesi europei. Queste le date finora confermate, e già in vendita. Purtroppo, al momento non è prevista nessuna data in Italia.

22 maggio 2020 Praga – Forum Karlin

23 maggio 2020 Vienna – Arena Open Air

25 maggio 2020 Lisbona – Aula Magna Universidade de Lisboa

26 maggio 2020 Porto – Casa de Musica

29 maggio 2020 Copenhaghen – Koncerthuset

30 maggio 2020 Copenhagen – Koncerthaus

2 giugno 2020 Colonia – E-Werk

9 giugno 2020 Lussemburgo – Den Atelier

11 giugno 2020 Amburgo – Elbphilharmonie

12 giugno 2020 Bruxelles – Ancienne Belgique

13 giugno 2020 Utrecht – Tivoli

19 giugno 2020 Zurigo – Rote Fabrik

20 giugno 2020 Losanna – Les Docks

21 giugno Ludwisburg – MHP Arena

18 settembre 2020 Monaco di Baviera – Muffathalle

25 settembre 2020 Berlino – Columbiahalle

30 settembre 2020 Londra – O2 Forum

 

Leggi anche: La musica (poetica) di Niccolò Fabi in concerto a Berlino, Amsterdam, Bruxelles, Parigi e altre 6 città europee

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: Einsturzende Neubauten, © Wikipedia –  CC2.0

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *