topi, ©Alexas_Fotos, https://pixabay.com/it/photos/mouse-roditore-carino-mammifero-1708177/

Germania, più di mille infetti dal pericoloso hantavirus

In Germania si registrano sempre più casi di infezione da hantavirus, un virus potenzialmente mortale trasmesso dai topi

Più di 1000 persone solo nel 2019 in Germania hanno contratto un’infezione da hantavirus. Il dato arriva dal bollettino medico dell’Istituto Robert Koch, istituto per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive, con sede a Berlino. Come riportato nel bollettino, solamente nel periodo tra gennaio e settembre 2019 l’Istituto ha già registrato 1184 casi di persone infette da hantavirus, contro i 235 casi registrati nel 2018. Il picco delle infezioni si è verificato nelle regioni del Baden-Württemberg con 540 casi e in Baviera con 240 casi, tra cui un decesso. A Berlino invece solo due persone hanno contratto il virus.

[adrotate banner=”34″]

Cos’è l’hantavirus e come avviene il contagio

Gli hantavirus sono dei virus appartenenti alla famiglia dei Bunyaviridae. Le infezioni da hantavirus sono quindi malattie virali che vengono normalmente trasmesse all’uomo dai roditori e molto raramente da uomo a uomo. I roditori possono trasmettere questo virus attraverso il contatto con i loro escrementi, saliva e urine. In molti casi l’infezione si contrae attraverso la polvere in un appartamento o una stalla in cui vi sono presenti escrementi di roditori infetti. Attraverso l’inalazione della polvere, il virus entra per le vie respiratorie e attacca l’organismo, spiega il Berliner Morgenpost.

I sintomi e la prevenzione per evitare il contagio da hantavirus

L’incremento dei casi è dovuto soprattutto all’innalzamento delle temperature, condizione che fornisce ai roditori il terreno adatto per proliferare. I sintomi sono simili a quelli dell’influenza, quindi febbre, forte mal di testa, diarrea e vomito. In casi gravi, anche i reni possono essere compromessi, costringendo alla dialisi. Attualmente non esistono vaccini o terapie contro l’hantavirus, è possibile solo trattare i sintomi. Si può però cercare di prevenire il contagio adottando alcuni accorgimenti, come consigliato dal Centro federale per l’educazione sanitaria. È consigliabile infatti lavarsi accuratamente le mani dopo un soggiorno all’aperto, conservare gli alimenti in luoghi sicuri e ben chiusi e usare contenitori esterni della spazzatura con serratura per evitare di attrarre i roditori.

Leggi anche: Germania, zecca tropicale gigante infetta uomo

[adrotate banner=”39″]

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: topi, ©Alexas_Fotos, CC0 on Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *