5 ragioni per visitare Trier, città tedesca fondata dai romani e ancora bellissima

Trier e il rispetto per l’ambiente

Trier (Treviri) fu fondata nel 16 a.C. dai romani, ai tempi dell’imperatore Cesare Augusto, per poi divenire residenza imperiale di Diocleziano e capitale dell’Impero Romano nel 293. Trier è considerata una città molto ecologica e rispettosa dell’ambiente ed è nota per essere la città natale di Karl Marx. Si trova vicino al confine con il Lussemburgo, nella Germania sud-occidentale, e merita una visita anche solo per i suoi stupendi edifici e i reperti di epoca romana. Qui vi elenchiamo cinque motivi per cui non dovreste assolutamente perdervela.

[adrotate banner=”34″]

1. La Schwarzes Tor (Porta Nigra) di Trier

La Porta Nigra di Trier, realizzata tra il 180 e il 200 d.C., è la più grande e antica porta romana in Germania. Si tratta di un’opera architettonica molto interessante e ben conservata, utilizzata in epoca romana come porta di ingresso della città. Data la sua importanza è stata dichiarata patrimonio UNESCO nel 1986. Il suo nome attuale risale al Medioevo ed è stato dato a causa del colore scuro della pietra utilizzata per la sua costruzione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The majestic Porta Nigra, the Roman gate entrance to Trier #portanigra #blackgatetrier #germany #ancientrome #deutschland #roman

Un post condiviso da Carmen Sylvia Rabbiosi (@carmen_sylvia_travels) in data:

2. Il Duomo di San Pietro a Trier

Il Duomo di Trier è stato costruito da Costantino ed è la più grande e antica basilica vescovile della Germania, anch’esso patrimonio dell’UNESCO. L’edificio è stato più volte distrutto e ricostruito, ma proprio per questo motivo riserva al suo interno vari stili artistici, come l’arte gotica, romana e barocca. Una leggenda racconta che, proprio all’interno, una cripta barocca conserverebbe la Tunica di Cristo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

baroque stucco #romanarchitecture #gothic #vaulting above the clock says: you do not know what time the lord is coming

Un post condiviso da Shadow Myv (@shadowmyv) in data:

3. La Liebfrauenkirche, Chiesa di Nostra Signora

A Trier, la Liebfrauenkirche è il più antico edificio religioso appartenente allo stile gotico in Germania. La chiesa, costruita tra il 1230 e il 1243, conserva al suo interno diversi decori raffiguranti gli apostoli che valgono certamente una visita. Durante la II Guerra Mondiale, la chiesa subì gravi danni e venne quasi completamente ricostruita tra il 1946 e il 1951, riportandola al suo splendore originale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luke Sital-Singh (@lukesitalsingh) in data:

4. L’Hauptmarkt

L’Hauptmarkt di Trier è un mercato molto affascinante dove si possono trovare prodotti di ogni tipo, dal cibo all’abbigliamento, dai souvenir ai prodotti tipici del luogo. Se vi trovate a Trier, non potete evitare questa splendida tappa, che vi permetterà di immergervi nella quotidianità di questa affascinante città.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Main market square ‘Hauptmarkt’ Trier ??☀️? #hauptmarkttrier#mainmarketsquare#trier#mosel#triergermany#nicebuildings

Un post condiviso da Zammy Eden (@zammyeden) in data:

5. Le Terme Imperiali

Le terme romane di Trier sono una tappa imperdibile, la cui costruzione risale al IV secolo. La struttura è curata perfettamente e include anche dei sotterranei ricchi di servizi, come il deposito della legna da ardere. La struttura è stata voluta da Costantino e, nonostante col passare del tempo ne sia stata conservata solo una parte, è considerata una delle maggiori attrazioni turistiche della città.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Развалины римской купальни – в Трире

Un post condiviso da Юлия Кениг (@schlichtjulia) in data:

Leggi anche: 5 motivi per visitare Augsburg, tra lusso, natura e cultura

[adrotate banner=”39″]

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: ©SBVguenterTrier 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *