Uno studio dimostra che uno studente su sei in Germania ha disturbi mentali

Depressione, ansia, attacchi di panico: sono questi i disturbi mentali che si stanno diffondendo tra gli studenti tedeschi.

Secondo uno studio pubblicato recentemente dall’assicurazione sanitaria tedesca Barmer, uno studente su sei in Germania soffre di disturbi mentali quali ansia, depressione e attacchi di panico. Come riportato da The Local, lo stress per la preparazione degli esami, la paura per il futuro, le difficoltà finanziarie sarebbero le cause scatenanti di tali malattie. Il 17% degli studenti (che corrisponde a circa mezzo milione di persone) considerati sani in precedenza si sono aggravati col passare del tempo.

[adrotate banner=”34″]

Il disagio dei giovani studenti colpiti

Secondo i dati raccolti dall’agenzia, l’esposizione ai suddetti disturbi è più frequente tra gli studenti meno giovani e tra coloro che ne sono stati già colpiti. Secondo il Dott. Christoph Straub, l’amministratore delegato di Barmer, spesso chi soffre di depressione si vergogna a parlarne e da questo deriva la riluttanza a cercare aiuto, l’isolamento e, in alcuni casi, la tendenza ad acquistare autonomamente medicinali senza previo parere medico. Se dunque chi dovrebbe rivolgersi a uno specialista in molti casi non lo fa, c’è anche una larga fetta di giovani (28%) che si reca immediatamente da un terapista anche per una forma lieve di depressione.

La piattaforma online come forma d’aiuto

Che fare dunque? Come aiutare queste persone? Barmer sta conducendo ricerche nazionali in forma anonima, al fine di raggiungere tutti gli studenti che soffrono in silenzio di queste malattie. La cassa assicurativa in questione è inoltre sostenuta dall’organizzazione mondiale della sanità (WHO) e mette a disposizione sul proprio sito consigli su come programmare gli esami e gestire lo stress.

[adrotate banner=”39″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Foto di copertina: StartupStockPhotos CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *