Tubi rosa di Berlino: a che servono e la ragione del loro colore

Grandi tubi rosa, viola e azzurri a tre metri da terra, spesso anche più in alto, per le strade del centro di Berlino: vi siete mai chiesti cosa siano?

La risposta parte da lontano. Prima di tutto c’è da sapere che sia Berlino che la regione intorno, ovvero il Brandeburgo, hanno nomi di origine slava, così come le prime popolazioni che abitarono l’area. Anche se non vi è la certezza assoluta, sembra che Berlino provenga da “brlo/berlo” che, insieme alla desinenza “in”, significa luogo asciutto circondato da acque e Brandeburgo derivi da “bran” ovvero palude.

Insomma, la capitale tedesca galleggia su un terreno più che mai acquitrinoso, soprattutto il centro (sembra che la città sia sorta inizialmente nel XIII secolo intorno all’attuale Isola dei musei). In molti casi l’acqua è appena un paio di metri sottoterra. I tubi sono stati installati dopo la caduta del muro per drenarla e tenerne sotto controllo il livello evitando che sbalzi improvvisi rischino di far crollare strade e palazzi. Se li si seguisse si scoprirebbe che normalmente riversano quanto raccolto o nel fiume Sprea o nel più vicino dei canali (ce ne sono molti a Berlino). La ragione per cui i tubi si sviluppano seguendo linee molto dinoccolate è legata alle temperature della capitale tedesca. Il freddo rischierebbe infatti di congelare sia l’acqua che soprattutto i tubi stessi se questi fossero lunghi e dritti. Gli snodi servono per “disperdere” il gelo.

Capitolo colore: perché rosa pastello

Il colore nasce da uno studio realizzato dall’azienda che fornisce le tubature e che, quando fu incaricata del lavoro,  parlò con scienziati e psicologi scoprendo che il colore preferito sia di tutti i bambini è il rosa (ebbene sì, anche dei maschietti) che di tanti adulti a cui ricorda la loro infanzia e spensieratezza. Al rosa pastello si sono nel tempo affiancati anche il viola e l’azzurro pastello per la stessa ragione. L’idea è stata copiata anche da Varsavia e altri capoluoghi europei: un modo per rendere i lavori in corso un’attrazione e esaltare, e non rovinare, qualsiasi colpo d’occhio sulla città.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina © Hsing WeiCC BY SA 2.0

4 commenti
  1. berlinese
    berlinese dice:

    I tubi non ci sono per drenare “la città” (ciò viene fatto dai canali), ci sono solo per drenare i cantieri quando si lavora sotto terra. A fine dei lavori, vengono rimossi i tubi (infatti ce ne sono sempre meno, visto che sempre più progetti urbani si avvicinano al termine dei lavori)

    Rispondi
  2. riccardo
    riccardo dice:

    e soprattutto il gelo non si può disperdere, al contrario si disperde il calore, quindi sarebbe meglio farli dritti…
    Ma “la ragione per cui i tubi si sviluppano seguendo linee molto dinoccolate” è per far passare sotto mezzi e persone.
    Voi di Berlino cacio e pepe le informazioni le trovate sui muri dei cessi dei locali?

    Rispondi
    • Andrea D'Addio - Direttore
      Andrea D'Addio - Direttore dice:

      Buonasera sig. Riccardo,
      premesso che tra persone che non si conoscono ci dovrebbe essere un rispetto reciproco di partenza che non contempli toni come quelli presenti nel suo commento, ciò che lei critica è un disperdere appositamente messo tra virgolette. Basterebbe leggere con più attenzione.
      Cordiali saluti

      Rispondi
      • riccardo
        riccardo dice:

        No, io critico un metodo di “giornalismo” tutto all’italiana che avete importato anche qui basato esclusivamente su voci di corridoio, pettegolezzi, e pareri da bar.
        Non c’è nulla di quello che appare nel Suo articolo (fatta eccezione dell’introduzione la quale si trova paro paro su altri siti…) non dico che sia vero ma che abbia perfino un senso.
        Mi scuso in ogni modo per i toni evidentemente poco graditi. Ora Lei si scusa per le “fantasie” scritte?

        Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *