lo spot

Lo spot tedesco per il risparmio energetico. Fate l’amore al buio

La pubblicitá per il risparmio energetico, ha imbarazzato i tedeschi.

Lo spot si intitola «Erwischt Meine Eltern #ziek» traduzione «ho beccato I miei genitori». Ziek è l’acronimo di Zusammen ist es Klimaschutz, il nome della campagna che il ministero federale dell’ambiente ha lanciato per la protezione del clima. Lo spot è stato realizzato per sensibilizzare i tedeschi sul risparmio energetico. Non c’è bisogno di parlare tedesco per vederlo: il film è muto. Lo slogan finale recita «Il mondo dice grazie. Se si utilizzasse il 5% di corrente in meno nelle case tedesche si potrebbe fare a meno di una centrale a carbone».

 Sono state tante le polemiche nate intorno allo spot che è stato finanziato dal Ministero federale dell’ambiente. Di certo non manca però il successo, infatti il video ha raggiunto tantissime visualizzazioni in questi anni. Il video é stato pubblicato nel 2014 e inizialmente aveva imbarazzato i tedeschi.

Il video é breve, divertente guardarlo. Sicuramente non adatto ai minori.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CeDIERGF5Zg]

 

[adrotate banner=”34″]

Banner Scuola Schule

 Immagine di copertina: © Youtube

3 commenti
  1. dario
    dario dice:

    non vedo nulla di cosi scandaloso.. ok si capisce cosa fanno.. ma se pensiamo che in tv trasmettono autentiche scene di sesso.. con tanto di visione di uomini e donne senza vestiti.. dico che fare polemica per un video simile.. non ha molto senso.. qualcuno può dire.. ok ma ci sono i bambini.. non credo che lo spot venga trasmesso a tutte le ore.. e non su tutti i canali .. siamo nel 2015..

    Rispondi
  2. Andrea52
    Andrea52 dice:

    L´ho visto in tv a inizio settimana e l´ho trovato molto spiritoso-:)! Non riesco a capire onestamente il motivo di tante critiche,proprio qui in Germania…!

    Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] tutti parlano dello spot contro gli sprechi in cui i genitori fanno sesso in salotto e la figlia li sgama, io parlo del mio magnete di Sissi. Che no: non è un sex toy; e no: non apparteneva davvero a […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *