L’incredibile scusa alla polizia di un berlinese scoperto con una piantagione di marijuana in casa

«Ci sfamo la mia famiglia»: questa la giustificazione data alla polizia da un berlinese scoperto con una piantagione di marijuana in casa.

La polizia di Berlino ha rinvenuto una piantagione di marijuana in un appartamento del quartiere di Gesundbrunnen. Come riportato da Tagesspiegel, l’incursione delle forze dell’ordine è avvenuta nella serata di giovedì 28 dicembre, a seguito di una segnalazione per musica troppo alta proveniente dall’abitazione in questione. Nell’appartamento, che esalava un odore sospetto, la polizia ha trovato qualcosa di inatteso: una coltivazione di circa 150 piante di marijuana. Il proprietario della piantagione nonché affittuario dell’appartamento ha tentato di giustificarsi sostenendo di aver bisogno della coltivazione per sfamare la propria famiglia.

Il ritrovamento e l’incredibile scusa alla polizia

All’arrivo della polizia sul posto, dalla casa proveniva un odore sospetto. Nel soggiorno due uomini stavano consumando droga. Il forte odore ha condotto le forze dell’ordine in una stanza attigua, dove hanno scoperto circa 150 piante di marijuana. Il proprietario della coltivazione, un uomo 32enne residente nell’appartamento, si è giustificato con la polizia utilizzando una scusa incredibile: «Ho bisogno della piantagione per mantenere la mia famiglia».

L’arresto e i sequestri

Il proprietario della coltivazione è stato arrestato dalle forze dell’ordine e affidato alla polizia criminale. L’altro uomo che si trovava nell’appartamento è stato rilasciato dopo alcuni accertamenti circa l’infrazione della legge sul consumo di droghe leggere. Le piante di marijuana, i contanti, alcune droghe presenti nell’abitazione e diversi utensili per il mantenimento della piantagione sono stati sequestrati.

[adrotate banner=”34″]

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”37″]

Foto di copertina © Xtip CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *