Simulazione

Germania, l’allenatore del Bayer simula una spinta per perdere tempo, ma la scena è ridicola

È successo durante la partita di coppa Borussia Monchengladbach – Bayer Leverkusen

Italiani simulatori? La prossima volta che, scherzosamente, qualche amico tedesco ve lo farà notare ricordategli la scena andata in scena il 20 dicembre 2017 durante la partita di coppa di lega Borussia Monchengladbach – Bayer Leverkusen. Protagonista è il tecnico del Leverkusen Heiko Herrlich che, in vantaggio 1-0 fuori casa, quando il giocatore avversario Denis Zakaria gli si è avvicinato per raccogliere di fretta una palla finita fuori, si è buttato per terra simulando di essere stato spinto. La situazione, ridicola, ha scatenato un piccolo parapiglia. Il nervosismo nonché la perdita di tempo causati dalla situazione ha comunque contribuito ad assicurare la vittoria del Leverkusen.

Heiko Herrlich, una carriera mai banale

Heiko Herrlich, che da giocatore ebbe una carriera molto particolare e che già una volta ha colpito negativamente il Monchengladbach . A 24 anni, dopo aver conquistato il titolo di capocannoniere proprio con il Borussia, cominciò a disertare gli allenamenti della squadra per allenarsi, senza contratto, con il Fortuna Colonia. Voleva essere ceduto nonostante il parere della società. Il suo desiderio fu soddisfatto dopo una causa in tribunale. Fu definito “traditore”, ma gu ceduto al Borussia Dortmund per 11 milioni di marchi. Si aggregò ad una squadra di campioni che gli permise di vincere una Bundesliga (1995-1996) e una Coppa dei campioni (1996-1997). Cinque anni dopo invece sconfisse un tumore al cervello, tornò a giocare vinse il suo secondo scudetto (2001-2002). Nel 2003 si ritirò e iniziò una carriera da allenatore che, come vediamo, merita una certa attenzione, quantomeno per la faccia tosta.

NON RIESCI A VEDERE IL VIDEO? CLICCA QUI 

[adrotate banner=”21″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *