Come entrare in Germania dall’Italia in questo periodo: nessuna autocertificazione, ma motivi e documenti reali

Il testo dell’Ambasciata italiana a Berlino per chiunque debba o voglia arrivare in Germania

Il governo tedesco ha ripristinato i controlli alle frontiere terrestri con Austria, Francia, Lussemburgo, Danimarca e Svizzera, aeree con Italia e Spagna e marittime con la Danimarca. I voli dall’Italia alla Germania non sono costanti, vengono continuamente annullati dalle linee aeree a volte con un minimo preavviso. Una via più sicura per arrivare nel Paese è in automobile. Ecco ad ogni modo quanto scrive l’Ambasciata.

Chi può entrare in Germania

L’ingresso in Germania è consentito a:

  • i cittadini tedeschi (sempre)
  • i cittadini stranieri che siano residenti in Germania (“angemeldet”), ma solo se si tratta della residenza principale (“Hauptwohnung”)
  • i cittadini che abbiano comprovati e stringenti motivi di necessità per entrare nel Paese ad esempio cure mediche, lutto in famiglia fino al secondo grado di parentela, visita al coniuge residente in Germania, o motivi di lavoro come nel caso di professioni “critiche” ai sensi della Comunicazione 2020/C 102 I/03 della Commissione Europea.

Cosa fare per entrare in Germania

Chiunque entri in Germania dall’estero deve segnalarlo alle competenti autorità sanitarie ed osservare 14 giorni di quarantena con sorveglianza attiva, tranne nei casi per cui sono previste delle eccezioni (per maggiori informazioni sull’obbligo di quarantena, consultare la sezione “Misure adottate in Germania”).

I motivi stringenti di necessità per fare ingresso in Germania devono essere opportunamente documentati (in Germania non esiste l’autocertificazione), e in assenza di documentazione adeguata l’ingresso può essere negato.

Non è necessario né possibile ottenere dall’Ambasciata, né dalle competenti istituzioni tedesche, una sorta di “autorizzazione preventiva” all’ingresso in Germania: la decisione in merito spetta unicamente all’agente della Polizia Federale che valuterà la documentazione comprovante i motivi stringenti di necessità, al momento dell’ingresso in frontiera.

Per maggiori informazioni sui motivi che giustificano l’ingresso in Germania, consultare le FAQ (in tedesco) della Polizia federale tedesca. Per una sintesi in italiano di tali FAQ, cliccare QUI.

Soprattutto nei casi non esplicitamente previsti nelle FAQ della Bundespolizei (e nei quali ci sia quindi un margine di discrezionalità), si consiglia ai connazionali che intendono fare ingresso in Germania di scrivere preventivamente all’Ufficio di Polizia del valico di frontiera da cui intendono passare, per informare della propria situazione, specificando i motivi stringenti che giustificano l’ingresso, la documentazione che sarà presentata per dimostrare l’esistenza di tali motivi, le generalità di chi deve entrare e il momento previsto per l’ingresso (gli indirizzi email dei vari uffici della Bundespolizei sono facilmente reperibili su internet).

L’uscita dal Paese è regolarmente consentita.

Transitare in Germania per raggiungere un altro Paese dell’Unione Europea

L’ingresso in Germania è anche consentito ai cittadini UE che siano in transito verso il proprio Paese di origine o di residenza, ma solo se possono dimostrare (con biglietto aereo, ferroviario o di bus) che si continuerà il viaggio verso tale Paese (è il caso dei cittadini italiani che desiderano rientrare in Italia facendo scalo in Germania).

I cittadini italiani che non rispettano queste condizioni (ad es. che non hanno ancora il biglietto per la prosecuzione del viaggio verso l’Italia, o che desiderano entrare in Germania pur non rientrando nelle categorie sopra specificate) saranno respinti alla frontiera.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *