Alexanderplatz, com’era, com’è. Dal 1796 ad oggi. Le foto

La storia (in brevissimo) della piazza considerata il centro orientale della città e una fotogallery che ci permette di vedere i suoi cambiamenti dal 1796 ad oggi.

Alexanderplatz nacque come mercato di bestiame tanto che fino al 1805 il suo nome era Ochsenplatz (Piazza dei buoi). L’Alessandro dell’attuale nome è quello dello zar di Russia che visitò Berlino nel 1805.

Tra il 1929 e il 1932 l’architetto Peter Behrens vi costruì intorno l’Alexanderhaus e la Berolinahaus. Fu in quegli anni che Alfred Döblin pubblicò Berlin Alexanderplaz. La guerra distrusse quasi tutto e nuovi lavori avvennero quando ormai Alexanderplatz era diventata la piazza più importante della Germania dell’Est con la costruzione dell’Haus der Statistik, l’Haus des Reisens e molti altri edifici intorno alla piazza a partire dai primi anni ’60, compresa la celebre Torre (1969). Con la caduta del muro la piazza è stata sottoposta nuovamente ad una serie di lavori che, se da una parte volevano far dimenticare le immagini dei raduni oceanici che la Ddr vi organizzava, dall’altra ha reso l’area una zona oltremodo commerciale.

1796

Alexanderplatz_1796

1905

 1930

 

1945

1969

Alexanderplazt 1969

1989

Alexaderplatz 1989

Alexanderplatz – Marzo 1989 – CC 3.0

1990

Alexanderplatz 1990

Alexanderplatz 1990 – Jim Linwood–  CC 2.0 

2020

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Maximilian Raab (@hunter_stl) in data:

 

Scopri la città con i Tour di Berlino in italiano di ViveBerlin Tours. Basta scegliere il tour di gruppo che preferisci e inserire il codice sconto “BERLINO-MAGAZINE” al momento della prenotazione.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *