Germania, nuovo record assoluto di contagi. Ma calano i ricoverati in terapia intensiva

Dopo settimane di relativa calma in Germania è riesploso il numero di nuovi contagiati. Ma calano i ricoverati in terapia intensiva

Mentre nelle ultime settimane una poderosa ondata di nuovi contagi ha investito numerosi Stati – come Italia e Francia – la Germania aveva visto un sostanziale calo di nuovi infetti giornalieri. Ma si era trattata della proverbiale calma prima della tempesta. Negli ultimi giorni anche in Germania, infatti, la curva dei nuovi contagiati giornalieri ha subito una drammatica impennata. Solo nella giornata di giovedì 13 gennaio il Robert Koch Institut ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati registrati 81.417 nuovi contagi. Si tratta del record assoluto dall’inizio della pandemia in Germania. Ma, nonostante, questa travolgente ondata, sono calati i ricoveri in terapia intensiva.

I dati ufficiali dal Robert Koch Institut

I dati ufficiali dal Robert Koch Institut

Calano i ricoveri in terapia intensiva rispetto a un mese fa

È probabile che l’aumento di nuovi casi in Germania sia dovuto soprattutto alla diffusione della variante Omicron, molto più contagiosa rispetto alle precedenti. Ma è impossibile non notare l’opposto comportamento della curva relativa ai ricoveri in terapia intensiva per complicanze legate al Covid. Stando agli ultimi dati ufficiali diffusi dal Divi Intensiregister – il registro delle terapie intensive tedesche – aggiornati a giovedì 13 gennaio sono 3.021 i pazienti ricoverati per complicanze legate al Covid in tutta la Germania. Un calo di quasi 2.000 pazienti rispetto al picco che si era registrato poco più di un mese fa, il 10 dicembre quando i letti occupati erano 4.917 con circa 30.000 contagi in meno.

Grafico dell'occupazione delle terapie intensive in Germania

Grafico dell’occupazione delle terapie intensive in Germania

Uno dei motivi del calo dei ricoveri in terapia intensiva è anche l’alta percentuale di vaccinazioni di richiamo

Come tutti sappiamo il vaccino contro il Covid 19 non evita di infettarsi o contagiare gli altri ma fornisce una preziosa protezione contro i decorsi gravi della malattia e, di conseguenza, il collasso del sistema sanitario. Per questo – nonostante un numero impressionante di contagi – i ricoveri in terapia intensiva, invece che seguire la curva in crescita, sono andati calando. Questo anche per l’accelerata che ha subito la campagna di vaccinazione in Germania e per l’alta percentuale di cittadini che hanno ricevuto anche la terza dose. Secondo gli ultimi dati ufficiali – aggiornati a giovedì 13 gennaio – sono 37,5 milioni gli abitanti tedeschi ad aver fatto la vaccinazione di richiamo pari al 45,1% della popolazione totale. Il 72,3% dei cittadini – più di 60 milioni – è invece completamente vaccinato con due dosi.

 

Leggi anche: Germania, Parlamento comincia a discutere sull’obbligo vaccinale. Tutti gli scenari possibili

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *