Museo danese dà 71mila € ad artista per riprodurre l’oggi. Lui li intasca e consegna due tele vuote

Dopo aver commissionato un lavoro per 71mila € il Kunsten Museum di Aalborg riceve dall’artista Jens Haaning due tele vuote. Il titolo? “Take the Money and Run”

Un museo danese ha consegnato a Jens Haaning, artista danese contemporaneo, circa 530mila corone danesi (pari a 71mila €) per replicare due suoi quadri precedenti, nei quali il denaro era parte integrante dell’opera. Obiettivo quello di riflettere sulla natura del lavoro nel mondo moderno. Tuttavia l’artista ha deciso di tenersi i soldi e consegnare al museo due tele vuote intitolate Take the Money and Run (Prendi i Soldi e Scappa). Queste tele sono tuttora in esposizione nella mostra inaugurata la scorsa settimana al Kunsten Museum of Modern Art, esibizione dedicata al tema della giustizia e dell’ingiustizia sociale e al rapporto tra arte e lavoro.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by BBC News Mundo (@bbcmundo)

Reazioni contrastanti da parte dei curatori. Tra chi ride e chi avanza l’idea di un’azione legale contro Haaning

Al momento il museo ha deciso di stare al gioco e di esporre le due tele. Proprio il direttore del museo, Lasse Andersson, ha constatato con un pizzico di ironia che la trovata di Haaning è in linea con il tema della mostra. Ciò nonostante aggiunge che, meriti artistici a parte, l’artista non ha rispettato la commissione originale il cui pagamento effettivo era stato fissato a 10.000 corone, meno di 1.600 dollari, più le spese. Haaning risponde in un’ intervista che “Questa è un’opera d’arte solamente se non restituisco i soldi”. Ma non cambiano le intenzioni del museo. La commissione pretende la restituzione del denaro dopo la chiusura della mostra, a gennaio. Nel caso di un rifiuto da parte dell’artista si procederebbe per vie legali. “Non è reato, è la violazione di un contratto che ritengo ingiusto verso di me” ha ribattuto Haaning. “Incoraggio tutti gli artisti pagati in modo miserabile dai musei a fare come me: prendi i soldi e scappa” ha continuato.

Un’opera in linea con l’artista. Parla Merete Jankowski, ex collaboratrice di Haaning

Tra le molte voci presenti nel dibattito spicca quella di Merete Jankowski, storica dell’arte che ha avuto modo di lavorare con l’artista in passato. “L’opera di Haaning rispecchia alcune delle sue precedenti esibizioni” ha affermato “spesso architettate come provocazioni per sconvolgere la nostra idea di ciò che è giusto o ingiusto nella società contemporanea”. “È il suo modo per creare un’opera d’arte per un museo” aggiunge, stupita dalla reazione della commissione, “cosa che ha fatto molte volte prima, e penso che sia stato trascurato”.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Photo by Rahbek Media on Unsplash.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *