coniatore di monete CC0

Münzschläger, il celebre monumento al coniatore di monete che ci ricorda la storia di Wipperfürth

Nella piccola città di Wipperfürth si trova Münzschläger, una statua dedicata ad un coniatore di monete, di grande importanza per la sua memoria storica

Wipperfürth, città situata nel nord della Renania, ospita sulla piazza del mercato il monumento in bronzo del Münzschläger. La statua, completata nel settembre del 2003 è stata scolpita da Heiligenhaus Josef Vavro, artista e designer di oggetti in metallo, e raffigura un coniatore di monete. Il soggetto, che all’apparenza sembra insolito, nasconde in realtà un importante significato per la cittadina e rappresenta un pezzo di storia. Il monumento infatti ha lo scopo di ricordarci che proprio a Wipperfürth, città più antica del Bergisches Land, furono coniati, per circa 100 anni, penny, denari, quarti di dollaro, oboli, sterline e doppi scellini. La scultura è stata donata dalla Fondazione Cultura e Ambiente della Kreisparkasse e dalla Fondazione Voss ai cittadini.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by @bergischp

La storia che si nasconde dietro la statua

La statua rappresenta un uomo nell’atto di battere moneta, così come si faceva nell’antichità, simboleggiando una parte importante della storia della città. Wipperfürth fu fondata nel XIII secolo ed a partire dal 1275 divenne sede della zecca. Il re di Germania Rodolfo I d’Asburgo (1218-1291), infatti, concesse al conte di Berg, Adolfo V (1259-1296), con cui aveva dei buoni rapporti, di battere moneta nella città. La zecca venne così spostata da Wildberg a Wipperfürth, e da quel momento si è iniziato a coniare penny basati sul modello di Colonia. Circa cinquant’anni dopo, invece, nel 1328, il re Ludovico di Baviera concesse alla città il privilegio di coniare il primo groschen (grosso) tedesco. Fu proprio a Wipperfürth, quindi, che venne coniato il primo grosso di tutta la Germania.

Moneta coniata dal conte Adolf V. von Berg CC BY-SA 4.0

Moneta coniata dal conte Adolf V. von Berg, ©Joerg Graff da Wikipedia

Il lavoro del coniatore

I groschen erano delle massicce monete d’argento puro, di ottima qualità, utilizzate durante il Medioevo e le più diffuse in Europa. Così come tutte le monete medioevali anche i groschen venivano prodotte a mano da artigiani, i coniatori appunto, attraverso un procedimento per niente semplice. Si doveva innanzitutto spianare un lingotto di metallo fino a raggiungere lo spessore desiderato per la moneta, e successivamente ritagliare con delle particolari forbici i tondelli da sottoporre a battitura.

Il tondello veniva allora interposto nel conio, i due pezzi di metallo utilizzati per imprimere le immagini sulle facce delle monete. Il conio conteneva l’immagine in negativo di ciò che deve essere impresso sulla moneta e abilissimi artigiani li producevano individualmente. Una volta interposto il tondello il coniatore doveva utilizzare tutta la sua forza per battere con il martello ed imprimere le facce della moneta, così come ci mostra la storica statua del Münzschläger, a Wipperfürth.

Leggi anche: Madre con figlio morto, storia e significato della statua dentro la Neue Wache su Unter den Linden

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Monete di Claudio Schwarz on Unsplash

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *