Limite di velocità in Germania presa da https://pixabay.com/it/photos/autostrada-strada-camion-veicoli-3392100/ CC0

La Germania continuerà a non mettere limiti di velocità su alcune autostrade

In Germania la potenziale coalizione di Governo ha escluso la possibilità di imporre il limite di velocità generalizzato nelle autostrade

I tre partiti che più probabilmente formeranno la coalizione di Governo in Germania – i socialdemocratici dell’Spd, i liberali dell’Fdp e i Verdi – hanno concluso un accordo che esclude l’imposizione di un limite generalizzato di velocità nelle autostrade. Si tratta di un accordo fondamentale perché dovrebbe porre le basi per i colloqui che porteranno o meno alla formazione del Governo. Frutto di un compromesso, la mancata introduzione del limite di velocità rappresenta una concessione da parte del partito dei Verdi e dei Socialdemocratici (Spd). Al contrario, sono usciti vincitori dai colloqui i liberali (Fdp), i quali si opponevano all’imposizione del limite nelle autostrade conosciute in tutto il mondo per essere le uniche in cui – in molti tratti – si può guidare senza particolari divieti di velocità. Più in generale, l’accordo risulta una sconfitta per gli ambientalisti e un sollievo per gli amanti della automobili in Germania.

Gli argomenti a favore dell’introduzione del limite di velocità

Di fatto, la mancata introduzione del limite di velocità generalizzato in Germania significa che i Verdi hanno deciso di rinunciare a proteggere un punto del loro programma politico. Il partito dei Verdi si dichiarava infatti a favore di porre il limite di 130 km/h in tutte le autostrade tedesche. Questa posizione faceva parte di una lunga lotta supportata dagli ambientalisti, i quali si riferivano ad uno studio dell’Agenzia Federale dell’Ambiente per sostenere la necessità del limite. Secondo questo studio, introducendo il limite di 130 km/h in tutte le autostrade si potrebbero risparmiare 1.9 milioni di tonnellate di emissioni di Co2 all’anno. Oltre gli argomenti a protezione dell’ambiente, molti hanno sottolineato anche che il limite di velocità porterebbe ad una riduzione del numero di incidenti e dunque delle vittime della strada. Insieme al partito dei Verdi, anche l’Spd si dichiarava ufficialmente a favore del limite. Tuttavia, il partito liberale Fdp si era opposto alla misura.

La concessione dei Verdi

Nonostante i Verdi e l’Spd avessero dichiarato nei loro programmi politici la necessità di introdurre il limite di velocità in tutte le autostrade tedesche, questo punto non ha trovato spazio nell’accordo che pone le basi per la potenziale coalizione con l’Fdp. Tuttavia, i Freie Demokraten durante la negoziazione hanno dimostrato di lasciar spazio al dialogo. Sembravano infatti disposti a concedere il limite, ma solo se i Verdi avessero accordato la formazione di una coalizione con il partito di centro destra della Cdu, lasciando fuori l’Spd. I Verdi però si sono dimostrati fermamente contrari a formare un Governo con il partito conservatore. Dunque, la decisione di rinunciare a parte del loro programma politico sembra essere stata necessaria per poter governare con la sinistra. La concessione di lasciare alcune autostrade senza limiti di velocità quindi potrebbe essere stato l’unico modo per garantire politiche di sinistra in futuro. L’accordo tra i tre partiti non è stato ancora finalizzato. Quando si giungerà alla sua versione definitiva, questo porrà le basi per i colloqui formali tra i partiti al fine di formare una coalizione.

 

Leggi anche: Berlino, iniziata la costruzione di 169 appartamenti a prezzi ‘popolari’

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Limite di velocità in Germania, presa da Pixabay CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *