Germania, mega multa da 875 milioni di € contro VW e BMW

La Commissione Europea ha sanzionato Volkswagen e BMW con una multa da €875 milioni. I produttori sono responsabili di un comportamento collusivo.

La Commissione Europea ha recentemente sanzionato i maggiori gruppi automobilistici tedeschi per un comportamento recidivo e collusivo nei confronti del mercato. L’UE ha infatti condotto un’indagine antitrust al termine della quale è emersa la responsabilità dei produttori automobilistici nell’alterazione dei livelli di emissione dichiarati per i veicoli alimentati a diesel. La sanzione prevede il pagamento di una multa da €875 milioni da parte di Volkswagen – che controlla Audi e Porsche – e Bmw. Tutte le case automobilistiche coinvolte si sono dichiarate colpevoli di un condotta collusiva che intendeva raggiungere vantaggi economici a discapito della concorrenza sul mercato. Solo Daimler AG è riuscita ad evitare di pagare una multa pari a 727 milioni di euro grazie alla sua collaborazione con le autorità europee durante l’indagine.

La ragione della sanzione milionaria contro Volkswagen e BMW

Dalle indagini è emerso come Volkswagen, Bmw e Daimler avessero raggiunto e stipulato un accordo illecito, che prevedeva una volontà condivisa di impedire lo sviluppo della tecnologia “AdBlue” nei motori alimentati a dieselL’AdBlue è una sostanza chimica utilizzata nella riduzione selettiva catalitica, processo attraverso il quale l’urea tecnica di alta qualità, entrando nel flusso dei gas di scarico, consente di diminuire i livelli di ossido di azoto che entrano nell’atmosfera. I rappresentanti dei marchi automobilistici tedeschi si riunivano regolarmente per colludere sullo sviluppo di tecnologie innovative nella riduzione delle emissioni dei gas di scarico. Così facendo, riuscivano a impedire l’ingresso nel mercato di tecnologie più efficaci per la “pulizia” delle emissioni. Il marchio AdBlue peraltro, è detenuto dall’associazione tedesca dei costruttori di veicoli, che dovrebbe garantire degli standard qualitativi in linea con la normativa ISO 22241.

Il peso della sanzione contro Volkswagen e BMW

Margrethe Vestager, dal 2014 commissaria europea per la concorrenza, è nota per la linea ferrea con la quale conduce le indagini,  sanzionando anche le più grandi aziende internazionali. Il peso della sanzione in termini monetari e di immagini è notevole, considerando la ripresa recente del settore automobilistico. La  commissaria Vestager ha sottolineato che i produttori tedeschi, pur avendo a disposizione le tecnologie necessarie per ridurre le emissioni, hanno preferito evitare la concorrenza, negando ai clienti la possibilità di accedere a veicoli più sostenibili. Il gruppo Volkswagen dovrà quindi pagare una multa che ammonta a €502 milioni, ovvero il 45% in meno del totale inizialmente ipotizzato, mentre Bmw sarà sanzionata per un totale di €373 milioni.

Leggi anche: Iniziativa berlinese: 1100 € a tutti i cittadini senza auto – Berlino Magazine

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

In copertina: Case automobilistiche – Volkswagen da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *