Germania, Governo introduce il ‘freno di emergenza’ a livello nazionale

Angela Merkel ha dichiarato che introdurre il ‘freno di emergenza’ a livello nazionale è “una scelta importante e urgente”

Nella mattinata di martedì 13 aprile Angela Merkel si è riunita in un vertice con i membri del suo esecutivo. Al centro della discussione l’introduzione, a livello nazionale, del cosiddetto ‘freno di emergenza’ nelle zone in cui l’incidenza ai 7 giorni superi il valore di 100 contagi ogni 100.000 abitanti. Una proposta che dovrà essere approvata dal Bundestag. Di fatto la decisione del Governo bypassa i singoli Länder che non decideranno più autonomamente le restrizioni da applicare nei loro territori. Attualmente l’unico Land con incidenza inferiore a 100 – e dove, quindi, non verrà applicato il ‘freno’ – è lo Schleswig – Holstein. Nella conferenza stampa a margine del vertice, Angela Merkel ha dichiarato che introdurre il ‘freno di emergenza’ a livello nazionale è “una scelta importante e urgente”. Inoltre, secondo la Cancelliera, il fatto di applicare norme uguali in tutto il Paese eliminerebbe l‘ambiguità e la confusione su quali restrizioni applicare – e quali no – in ogni Land. “Le misure per combattere la pandemia devono essere più rigorose e più coerenti” ha dichiarato la Cancelliera. Mercoledì 14 aprile ci sarà l’incontro tra Governo federale e rappresentanti dei Länder che, più dei precedenti, sarà caratterizzato da malumori e scontri.

Cosa prevede il ‘freno di emergenza’

Il ‘freno di emergenza’ entrerà in vigore automaticamente qualora l’incidenza ai 7 giorni superi i 100 contagi ogni 100.000 abitanti per tre giorni consecutivi in una contea o in un distretto urbano.

  • Gli incontri privati, durante il giorno, sono limitati a una persona esterna al proprio nucleo famigliare (minori di 14 anni esclusi)
  • Verrà introdotto un coprifuoco valido dalle 21:00 alle 5:00 del mattino. In questo orario sarà tassativamente vietato uscire salvo che per comprovate emergenze. Inoltre sarà vietato incontrarsi con persone esterne al proprio nucleo famigliare.
  • Le attività sportive potranno essere svolte esclusivamente da soli o in coppia
  • Tutti i negozi dovranno rimanere chiusi. Continueranno ad essere aperti: rivenditori di generi alimentari, negozi di bevande, negozi di alimenti naturali, farmacie, negozi di forniture mediche, farmacie, ottici, negozi che vendono apparecchi acustici, stazioni di servizio, edicole, librerie, negozi di fiori, negozi di animali, mercati di mangimi per animali e centri di giardinaggio
  • I centri estetici dovranno chiudere
  • I parrucchieri potranno rimanere aperti ma il cliente dovrà presentare l’esito negativo di un test effettuato nelle 24 ore precedenti all’appuntamento
  • Chiuderanno di nuovo anche le attività culturali come i musei
  • I ristoranti potranno continuare a restare aperti offrendo servizio take-away o di consegna a domicilio. Dalle 21 alle 5 i locali effettueranno solo consegne a domicilio
  • Scuole e asili nido possono rimanere aperti con l’incidenza ai 7 giorni inferiore a 200. Studenti e personale scolastico dovranno effettuare due tamponi a settimana.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Berlino – Germania – Porta di Brandeburgo da Pixabay / CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *