Crema Nivea, Labello, Leukoplast, pranzo per i dipendenti e diritti dei lavoratori: la vita e tutte le invenzioni di Oskar Troplowitz

È reputato uno dei più grandi inventori tedeschi, soprattutto nell’ambito farmaceutico: il suo nome è Oskar Troplowitz

Molti dei prodotti che tenete nelle vostre trousse sono in qualche modo legati a Troplowitz: dalla crema Nivea al Leukoplast (il cerotto elastico adesivo), passando per il Labello. Nato da famiglia ebrea nel 1863 a Gleiwitz, allora Germania (ma ora Polonia) Troplowitz studiò farmacia tra Breslau e Heidelberg, ma fece di Altona, celebre area di Amburgo, la sede della sua attività. È qui infatti che, ventisettenne, rilevò il piccolo laboratorio di Paul Beiersdorf e lo ampliò, trasformandolo in una società. Due anni dopo costruì il primo edificio della sua fabbrica, che è ancora oggi la sede principale dell’azienda. Fu così che iniziò un grandissimo percorso di ricerca e intraprendenza, al quale si affiancò, nel tempo, anche uno straordinario impegno civico: Troplowitz infatti introdusse per i suoi dipendenti innovazioni come il pranzo gratuito, la settimana a 48 ore, l’asilo aziendale e il congedo di maternità. Il tutto già nel lontano 1897.

Oskar Troplowitz, la Beiersdorf e tutte le  invenzioni

Grazie alla stretta collaborazione con importanti scienziati ebrei tedeschi – tra cui il dermatologo di Amburgo Paul Gerson Unna e il chimico berlinese Isaac Lifschütz – Troplowitz sviluppò una vasta gamma di prodotti di marca che affascinavano per la combinazione di innovazione scientifica e pubblicità ingegnosa. Queste invenzioni fornirono alla sua azienda una posizione di leadership sul mercato, che dura tuttora. Tra il 1890 e il 1914, Troplowitz lanciò prodotti come Nivea, Leukoplast e Labello. La sua prima invenzione fu proprio il Leukoplast, un bendaggio adesivo medico sviluppato nel 1901 in collaborazione con il chimico Isaak Lifschütz.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Frät ComicPopart (@fraet_krefeld)

La seconda importante invenzione di Troplowitz fu il burrocacao a stick, chiamato Labello. Il nome del prodotto deriva dalle parole latine labium e bellus e significa dunque “belle labbra”. Labello fu venduto dalla Beiersdorf AG a partire dal 1909. La novità era data dal pack, un applicatore scorrevole in metallo, dal quale era possibile fare uscire il burrocacao premendo nella parte bassa della confezione. Prima i prodotti labbra erano invece venduti in piccoli pezzi avvolti nella carta stagnola. La prima confezione di Labello è l’antenata di quella usata oggi in rossetti e altri prodotti cosmetici.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Labello (@labello)

 

Nel dicembre 1911 Beiersdorf vendette la prima crema Nivea alle farmacie e drogherie. La confezione di latta era gialla con viticci verdi Art Nouveau intorno al bordo. Solo nel 1925, il pack assunse il suo tipico colore blu. Oggi, la crema Nivea è una delle invenzioni più conosciute di Troplowitz. Il farmacista scelse il nome del prodotto ispirandosi alla forma femminile dell’aggettivo latino niveus. Nivea significa “quella bianca come la neve”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NIVEA (@nivea)

L’impegno di Troplowitz per i diritti dei lavoratori

Oscar Troplowitz era un imprenditore con una forte coscienza sociale. Nel corso della sua vita introdusse innovazioni come il pranzo gratuito, l’asilo aziendale e il congedo di maternità. Nel 1912 fu uno dei primi imprenditori di Amburgo a ridurre l’orario di lavoro a 48 ore con piena compensazione salariale, pagò ai suoi operai e impiegati bonus natalizi e festivi, e fondò un fondo pensionistico nel 1916. La sua azienda contava inoltre un fondo di sostegno per le malattie, una sala per l’allattamento e una fondazione per la vecchiaia e i sopravvissuti. Durante il suo periodo da direttore dell’azienda si dimise solo un dipendente ed è difficile pensare che sia stato un caso.

Leggi anche: Zeppelin, un’invenzione tutta tedesca con il nome del suo inventore

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto di copertina: ©Pixabay – CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *