emergenza clima, ©Kevin_Snyman, https://pixabay.com/it/photos/dimostrazione-londra-demo-attivista-4193109/

A Berlino si parla di un referendum per obbligare la città a diventare “zero emissioni”

Raccolta firme per fare di Berlino città a “zero emissioni”. Sabato 3 giugno il lancio raccolta firme e una critical mass per Neukölln

Un movimento di cittadini autonomamente organizzati vuole affrettare il termine per fare di Berlino città a zero emissioni. Si guarda ora al 2030, e non al 2050, come imposto dalla coalizione al governo. L’iniziativa si chiama Klimaneustart (Ripartenza climatica). Lo scopo è arrivare a un referendum che anticipi al 2030 le riduzioni delle emissioni di gas serra. Gli ambientalisti hanno iniziato a raccogliere firme sabato 3 giugno. Sono 26 i partner, tra cui scienziati e attivisti di Fridays for Future. La proposta è stata lanciata il mese scorso con una critical mass ad Hasenheide, Neukölln.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Klimaneustart Berlin (@klimaneustartberlin)

Zero emissioni per una città realmente green entro il 2030

Raggiungere l’obiettivo significa imporre immediatamente cambiamenti significativi al sistema. Klimaneustart punta molto in alto. Il suo calendario prevede una riduzione del 70% delle emissioni entro il 2025 e del 95% entro il 2030. Questo significa arrivare in nove anni alla fine delle emissioni di CO2 da parte di automobili, centrali elettriche e aziende industriali. Si schiera per il referendum Volker Quaschning, professore di sistemi di energia rigenerativa all’Università di Tecnologia ed Economia di Berlino (HTW). Afferma l’urgenza di agire in una direzione di “emissioni zero”, se non si vuole lasciare l’onere del disastro ambientale alle generazioni future.

20,000 firme per arrivare al referendum

Gli attivisti pro referendum criticano le manovre e i programmi insufficienti del Senato di Berlino. Si deve fare di più per rispettare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento climatico al di sotto dell’1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali. Nello specifico le richieste sono: considerare una riduzione di tutti i gas serra, includere l’aeroporto BER nel bilancio degli inquinatori cittadini e garantire equi ammortizzatori sociali laddove la crisi climatica ha esacerbato le disuguaglianze esistenti. Così si attendono i risultati della raccolta firme per fare di Berlino città a zero emissioni. Il gruppo dovrà arrivare a 20,000 firmatari per far sì che la proposta passi all’Abgeordnetenhaus, il parlamento del Land.

Ecco dove leggere il manifesto e lasciare la tua firma: https://klimaneustart.berlin/berlin-2030/

 

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: zero emissioni da Pixabay, CC0 Kevin Snyman 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *