Il centro di Amburgo diventerà solo pedonale, addio auto

I piani per rendere il centro di Amburgo una zona senza automobili sono ormai concreti. La Jungfernstieg nel centro di Amburgo sarà chiusa al traffico individuale motorizzato dal mese di ottobre.

Il nuovo annuncio del Ministro dei Trasporti, Anjes Tjarks, è giunto un paio di settimane fa: “Quest’anno vogliamo portare via le auto da Jungfernstieg“, ha detto. “È uno dei luoghi più belli di questa città, ma vogliamo renderlo ancora più bello da percorrere a piedi. Vogliamo che gli abitanti di Amburgo possano vivere di nuovo questo luogo in un modo sensoriale diverso.” e a quanto pare i lavori procedono a ritmo serrato. Secondo i piani, l’ampia passeggiata nel cuore della città sarà totalmente rimessa a nuovo. Questo aiuterà a ridurre le emissioni di gas di scarico, calmare il traffico e a garantire la sicurezza a pedoni e ciclisti.

Il progetto

“Autos raus aus der Hamburger Innenstadt (Auto fuori dal centro di Amburgo)”: questa è la richiesta dell’iniziativa popolare “Climate Change Now” del 15 gennaio 2020. L’idea non era nuova: i Verdi avevano già presentato il loro progetto di centro città per Amburgo nella scorsa estate. Secondo un sondaggio effettuato a inizio gennaio, il 67% dei cittadini di Amburgo intervistati è a favore di zone interne della città prive di automobili. La vecchia pista ciclabile sarà rimossa per creare un percorso pedonale più ampio lungo il Binnenalster, con più spazi verdi. Verrà poi aggiunto un nuovo percorso ciclabile, insieme ad ulteriori passaggi pedonali senza barriere. Oltre alle biciclette, l’accesso sarà consentito solo ad autobus, taxi e furgoni per le consegne. Come dovrebbe essere progettato il centro città è stato uno dei temi più controversi della città negli ultimi mesi. Le questioni principali erano rivitalizzare il centro città e collegare le singole aree in modo sensato.

Le prime critiche sono già state risolte

Tempo fa, prima ancora dell’approvazione del progetto, erano giunte delle critiche da parte dei Verdi. In risposta, il sindaco Tschentscher aveva sottolineato che questi piani non avrebbero dovuto portare a una minore accessibilità del centro città in futuro. Ciò deve essere garantito, tra l’altro, dal “Hamburg-Takt”, una delle promesse delle elezioni centrali della SPD, secondo cui entro il 2030 ogni residente di Amburgo dovrà essere in grado di raggiungere i mezzi pubblici entro cinque minuti. L’Assessore per lo sviluppo urbano Stapelfeldt aveva sostenuto in particolare la necessità di creare più spazio vitale in città. “Vogliamo che in futuro più persone trovino una nuova casa nel centro. Questo include, in particolare, l’alloggio a prezzi accessibili”, ha detto. Per ridurre la “dipendenza dallo shopping”, come l’ha definita, Stapelfeldt ha annunciato di volersi concentrare maggiormente su tempo libero, esperienza e cultura. La presentazione di queste idee da parte del l’assessore appartenente ai Verdi ha fatto dato buoni frutti. “Siamo davvero molto contenti che la SPD abbia adottato il nostro concetto di un centro città praticamente privo di auto”, aveva affermato Anjes Tjarks, il leader del gruppo parlamentare dei Verdi.

Leggi anche: Germania, sequestrate ad Amburgo 1,5 tonnellate di cocaina

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram  e  Twitter

Immagine di copertina: Flickr

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *