Germania, chi e quando riceverà il vaccino anti-Covid

Manca poco all’avvio della campagna di vaccinazione in Germania, ma chi saranno i primi a riceverlo?

Gli esperti informano che le prime dosi del vaccino arriveranno tra dicembre e gennaio, si sa già che le dosi iniziali non basteranno per tutti i cittadini tedeschi come ha già dichiarato il comitato per la vaccinazione del Robert Koch Institute. Le prime dosi saranno quindi destinate ai pazienti delle case di riposo e alle persone con più di 80 anni. Anche le persone che lavorano nel settore sanitario avranno una corsia preferenziale per ricevere prima il vaccino, soprattutto coloro che lavorano nei reparti allestiti per l’emergenza Covid, essendo più esposti al rischio di essere contagiati. E’ stato calcolato che circa 8,6 milioni di persone sugli 83 milioni di cittadini che compongono la popolazione totale della Germania riceveranno il vaccino per primi. Sono stati inoltre aperti più di 60 centri adibiti alla somministrazione del vaccino, alcuni anche in location particolari come vecchi aeroporti. Probabilmente sarà possibile ricevere il vaccino anche nei normali studi medici, poiché non tutte le dosi avranno la necessità di essere conservate ad una temperatura di -70 gradi. Come era prevedibile ci sono già i primi segni di malcontento sul piano di distribuzione all’interno del mondo della politica e dell’opinione pubblica. Il direttore della  German Paritätischer Wohlfahrtsverband, Urlich Schneider, ha affermato «Ci sarà subito un dibattito sulla distribuzione appena sarà approvato il vaccino […] I primi ad essere vaccinati saranno i medici e gli infermieri, seguiti da coloro che tengono in piedi l’economia del Paese e sono considerati socialmente rilevanti, questo porterà ovviamente a dei conflitti». Per evitare che ci siano disparità sociali, ha detto il Ministro della Salute Jens Spahn, la Germania si è già assicurata più di 300 milioni di dosi del vaccino tramite la Commissione Europea o accordi bilaterali.

Programmazione ed eventuali intoppi

Il presidente della STIKO, l’organizzazione più preparata per la gestione del vaccino, Thomas Merkens, ha già le idee chiare su come verrà gestita la campagna di vaccinazione. «Se vacciniamo tra le 150.000 o le 200.000 persone al giorno, ci vorranno 100 giorno per vaccinare almeno 15 milioni di persone, quindi più di un anno per coprire tutta la popolazione della Germania» ha dichiarato. Inoltre, i Ministri della Salute dei 16 Stati federali hanno già preparato diversi accordi per fare in modo che vengano aperti uno o due centri per distretto amministrativo, si programma di aprire 6 nuovi centri solo a Berlino. Si sta anche discutendo sull’impiego delle hall per le convention, ormai inutilizzate da mesi. Ci sono però dei problemi per quanto riguarda il trasporto dei vaccini. Questi problemi logistici derivano dal fatto che il vaccino creato dalle compagnie farmaceutiche Pfizer e BioNTech deve essere conservato a -70 gradi Celsius. Il presidente della compagnia farma-logistica Trans-o-flex, Wolfgang Abeck, ha criticato la gestione del Governo per la conservazione dei vaccini. «Le nostre richieste sono state completamente ignorate […] Ho l’impressione che il Ministro della Salute non voglia avere nulla a che fare con l’importante questione della logistica dei vaccini» ha dichiarato Abeck.

Il ruolo focale della Germania nella distribuzione del vaccino

La compagnia tedesca Va-Q-Tech è stata selezionata per essere uno dei principali distributori del vaccino, grazie alla tecnologia avanzata dei propri container è sarà in grado di trasportare e conservare i vaccini alla temperatura di -70 gradi. Grazie a questo alto livello di conservazione i vaccini potranno viaggiare anche per 5-10 giorni, riuscendo quindi ad arrivare anche in territori lontani come l’Africa. Oltretutto i container riusciranno a mantenere la propria temperatura sotto zero anche in condizioni climatiche non favorevoli. Il valore di questi container raggiungerà circa 100 milioni di euro nel momento in cui inizieranno a trasportare il vaccino. Gli operai dell’azienda in questo periodo di preparazione prima della distribuzione globale del vaccino stanno lavorando duramente a causa della grande richiesta a livello globale e probabilmente dovranno continuare a produrre anche durante le vacanze di Natale.

Leggi anche: Come funzionerà, nel dettaglio, la distribuzione del vaccino Covid in Germania di Berlino Magazine

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Foto: Coronavirus foto di Pete Linforth da Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *