Un neo-nazi tedesco ha cercato di fare un attentato a Mallorca

Arrestato neo-nazista tedesco per tentati bombardamenti a Maiorca

Giovedì 28 marzo la polizia spagnola ha arrestato a Maiorca un neo-nazista tedesco per tentati bombardamenti. Già ricercato dalla polizia tedesca per aver tentato di far esplodere una bomba in Germania, l’uomo di ventotto anni è stato fermato mentre usciva da una villa dell’isola.

[adrotate banner=”34″]

L’uomo ha cercato di sfuggire alla polizia spagnola nascondendosi in una villa di lusso

L’attentatore, che non era ancora stato identificato, ha cercato di sfuggire alle autorità nascondendosi in una villa di lusso dell’isola. Era ricercato perché sospettato di aver piazzato delle bombe sull’isola. Al momento si ritiene che il soggetto abbia agito perché membro del gruppo Reichsbürger, cioè i cittadini del Reich, movimento che non riconosce la Germania moderna come stato legittimo. Maiorca conta, infatti, una popolazione tedesca molto alta, e forse proprio in virtù di questo dato l’attentatore ha agito.

In Germania è ritenuto un soggetto molto pericoloso perché membro di un gruppo neo-nazista

La polizia tedesca considera il sospetto attentatore molto pericoloso perché si ritiene abbia piazzato una bomba artigianale a febbraio nella città tedesca di Burglengenfeld, nella regione meridionale della Baviera. Grazie ad una segnalazione fatta da un cittadino, la bomba, resa più potente da una fiala di mercurio, è stata rilevata dalle autorità e disinnescata. Tuttavia, la mancata esplosione ha allertato la polizia, che ora tiene d’occhio il sospettato. L’uomo appartiene, infatti, a un gruppo neo-nazista radicale che non riconosce la Germania come stato legittimo e che per questo organizza azioni estreme per muoversi contro il Paese. Oggi il gruppo si stima conti circa 20.000 membri in tutta la Germania.

 Leggi anche: Amburgo si sta trasformando nella città dei “tetti verdi” e sarebbe da prendere a modello

[adrotate banner=”39″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina:© Wikimedia Commons

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *