Uno degli scatti della serie Architecture Density @Joe Wolf CC By-SA 2.0 da Flickr https://www.flickr.com/photos/joebehr/23006246196

Michael Wolf, 10 foto del geniale fotografo tedesco delle megalopoli

Uno dei più talentuosi e originali fotografi della sua generazione

Michael Wolf è deceduto il 24 aprile di quest’anno all’età di 64 anni nella sua casa di Hong Kong, città in cui viveva dal 1994. Il fotografo era originario di Monaco di Baviera, dove nacque nel 1954. Nella città cinese Wolf lavorava come corrispondente della rivista tedesca Stern, ma la sua fama è dovuta soprattutto alle serie di scatti dedicati alla vita e all’architettura nelle megalopoli, in particolar modo quelle asiatiche.

[adrotate banner=”34″]

Uno sguardo originale che raccontava in maniera inedita la vita nelle grandi città

Le sue fotografie indagavano soprattutto il rapporto tra gli abitanti e l’architettura delle metropoli. Nel 2005 realizzò la serie di scatti Architecture of Density in cui fotografava gli immensi e sovrappopolati palazzoni di Hong Kong, senza connotarli rispetto all’ambiente circostante, moduli geometrici senza cielo né terra in cui la presenza umana è solo accennata. Un’altra delle sue opere più famose e interessanti è sicuramente la serie intitolata Tokyo Compression realizzata nel 2010, i cui scatti sono stati realizzati nella metropolitana della capitale giapponese. Questa volta i protagonisti sono i volti degli uomini e delle donne stipati all’inverosimile nei vagoni della metro giapponese. Realizzò inoltre dei volumi in cui usò le immagini di Google Street View per raccontare le città di Parigi e New York. Sono fotografie caratterizzate dalla scomposizione in pixel che avvicinano i suoi scatti alle opere dell’artista della pop-art Roy Lichtenstein.

View this post on Instagram

🚈 #tokyocompression by #michaelwolf

A post shared by Lisa Chauveau (@lisachauveau) on

Durante la sua vita Michael Wolf vinse i più prestigiosi premi dedicati alla fotografia

Grazie ai suoi lavori Wolf ha vinto per ben due anni, nel 2005 e nel 2010, il World Press Photo. Inoltre venne nominato per il Premio Pictet, concorso che premia i migliori scatti dedicati alla sostenibilità ambientale. Le sue fotografie fanno inoltre parte delle collezioni permanenti di alcuni dei più famosi e prestigiosi musei di tutto il mondo. I suoi scatti sono esposti al Museum of Modern Art e al Brooklyn Museum di New York e al Museum of Contemporary Photography di Chicago. Nella sua madrepatria la maggiore collezione di fotografie è conservata al Museum Folkwang di Essen.

View this post on Instagram

We learn with great regret the passing of the photographer Michael Wolf. Through rigorous and well-defined photographic projects he invited us to reflect on urbanism and the living conditions. From his earliest works, he showed interest in the anthropological implications of the global era and attention to the housing phenomenon. In his last works, he led us to observe closer the human side of the city thus questioning the role of the photographer. He almost seemed to suggest a more direct and participatory stance, less detached and narcissistic. He leaves us important lessons on looking and a mountain of significant photographs. Especially from his adopted city, Hong Kong. Among all we like to remember him with this photo, which recalls the void he left but also a chance to continue. #urbanautica #michaelwolf #rip #hongkong

A post shared by Urbanautica Institute (@urbanautica) on

Leggi anche: In Germania si parla di “lasciare morire i paesini dell’ex DDR” e non investire le risorse altrove

[adrotate banner=”39″]

Berlino Schule tedesco a Berlino

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: Uno degli scatti della serie Architecture of Density @Joe Wolf CC BY-SA 2.0 da Flickr

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *