Malihini, foto on Facebook

Malihini, la nuova band italiana con l’anima europea

Malihini è un progetto musicale nato tre anni fa, un’unione voluta dal destino

L’incontro tra Federica Caiozzo (già conosciuta come cantautrice con il nome di Thony) e Giampaolo Speziale è stato assolutamente casuale. Si sono conosciuti, infatti, grazie a un passaggio chiesto a uno sconosciuto, Giampaolo: da allora formano una coppia sia sul palco sia nella vita. Il progetto Malihini è il risultato della loro unione, a seguito di un periodo di sperimentazione e viaggi. Malihini significa in hawaiano ‘pellegrino’, parola con cui possiamo definirli dato che hanno percorso chilometri e chilometri tra i palchi delle principali capitali europee, come Parigi, Berlino, presso il Privatclub dove sono stati accolti con grande entusiasmo, e ancora, Copenaghen, Londra e Brighton.

[adrotate banner=”34″]

L’album di debutto e le date nei più prestigiosi festival europei

Dal sound decisamente internazionale, Hopefully again è il loro album di debutto scritto nell’isola di Vulcano. È uscito lo scorso 8 marzo e prodotto dall’etichetta londinese Memphis Industries. Nel progetto, curato da Richard Formby (producer già di Wild Beasts e Mogwai) si è cercato di dare spazio alle differenze di entrambi: Francesca ama da sempre i grandi cantautori italiani, mentre Giampaolo è l’anima più rock e sperimentale della coppia. Hanno suonato al PrimaveraSound di Barcellona e si sono appena esibiti in Italia al Mi AMI festival a Milano. In riferimento alla scena italiana, pensano che sia «in fermento e anche se va di moda un genere molto diverso dal nostro, sembra che la gente sia molto più propensa ad andare ai concerti rispetto a qualche anno fa. Ora ci aspettiamo un cambio di genere musicale che abbandoni Trap e it-pop… accadrà!».

View this post on Instagram

♥ The european tour starts tonight

A post shared by MALIHINI (@wearemalihini) on

«Mi sento a mio agio sia come musicista che come attrice»

Federica è un volto noto anche al cinema. Dopo “Tutti i Santi giorni” di Virzì, che le è valso una candidatura ai David di Donatello e per cui ha curato anche la colonna sonora, ha recitato anche a fianco di Pif in “Momenti di trascurabile felicità” diretta da Daniele Lucchetti. «Mi sento a mio agio in tutti e due I ruoli purché stia facendo qualcosa in cui credo e se percepisco energie giuste intorno». Un anno di grandi passi avanti e crescita per il duo e per la carriera attoriale della Caiozzo. Non resta che aspettarci di sentirli (e vederli) presto in altre date italiane e europee.

View this post on Instagram

#MomentiDiTrascurabileFelicita Con Pif, Thony e Renato Carpentieri diretto da Daniele Luchetti, è liberamente tratto di libri di Francesco Piccolo. 9-10 aprile Lo yoga e l'Autan non sono in contraddizione? La luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? Perché il primo taxi della fila non è mai davvero il primo? Perché il martello frangi vetro è chiuso spesso dentro una bacheca di vetro? E la frase: ti penso sempre, ma non tutti i giorni, che sembra bella, è davvero bella? A queste, e ad altre questioni fondamentali, cerca di dare una risposta Paolo (Pif), cui rimangono solo 1 ora e 32 minuti per fare i conti con i punti salienti della sua vita. #pif #danieleluchetti #thony #renatocarpentieri #felicità #infelicità #francescopiccolo

A post shared by CinemaTeatroCristallo (@cinemateatrocristallo) on

Leggi anche: «Berlino, città piena di fermento culturale, naturale per me, agrigentino, trasferirmi qui un po’ per fare musica»

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: Malihini, foto on Facebook

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *