RBL, la radio degli italiani a Berlino ha lanciato una bella campagna di crowdfunding

La RBL radio, da Torino a Berlino: una comunità in crescita

RADIO BANDA LARGA nasce nel 2013, a Torino, su iniziativa dell’ Associazione Culturale Banda Larga che persegue la ricerca del benessere psicofisico e la creazione di una comunità di supporto per i suoi membri. «Il senso del nostro operato, oltre fare radio e musica perchè ci diverte farlo, è quello di regalare un senso di collettività e famiglia alle persone che prendono parte al progetto. Tramite la radio, che è il fulcro attorno a cui ci riuniamo, abbiamo creato una vera comunità in cui ogni socio può sentirsi a casa», racconta Valerio Timpanaro, presidente e fondatore della RBL Berlin. «Ognuno di noi mette a disposizione del progetto le proprie competenze. Parallelamente al lavoro in radio, tutti sono impegnati in campi diversi da quello radiofonico, ma nei finesettimana dedichiamo il nostro tempo e le nostre risorse per fare e produrre musica. A livello economico ci autofinanziamo attraverso le entrate derivanti da contributi associativi e donazioni o realizzando eventi -molti dei Dj della radio organizzano serate i cui proventi vanno all’associazione- attività di formazione e laboratori.» La RBL Berlin ha iniziato con un solo programma radiofonico nel 2016, quando Valerio si è trasferito insieme a un suo amico nella capitale tedesca. Oggi la programmazione di due giorni settimanali, il sabato in italiano e la domenica in lingua tedesca, conta ben 9 diversi programmi. Le prime attrezzature sono state acquistate grazie alle donazioni dei suoi fondatori, che hanno investito tempo e denaro nel progetto già attivo a Torino.«Attualmente gli associati  sono circa 40 e i membri attivi 15. Ognuno può parlare di ciò che preferisce, per tenere un programma basta un’idea e la voglia di mettersi in gioco. Non siamo policizzati e non escludiamo nessun genere musicale dalla nostra programmazione. Non si fa solo techno, da noi ognuno è libero di dire ciò che vuole e di mettere la musica che preferisce. Il senso è quello di dare spazio a persone e voci che a Berlino non hanno posto per esprimersi.»

[adrotate banner=”34″]

Uno studio musicale per dare voce a chi vuole avere voce

«Abbiamo deciso di aprire un crowdfunding per avere i soldi necessari a creare uno studio musicale aperto a tutti, dove poter imparare a fare musica. Lo studio sarà attivo tutti i giorni e accessibile per chiunque voglia produrre la propria musica. Nei fine settimana verrà utilizzato come sede della radio, che al momento è ambulante, perché vorremmo avere un centro di riferimento per poter accogliere chiunque sia interessato a partecipare. L’idea dello studio nasce dalla mia personale esperienza: la prima volta che mi sono approcciato agli strumenti da Djs sono stato seguito e supportato da persone più brave di me che mi hanno insegnato. Il senso di questo progetto è proprio questo: dare spazio e strumenti ai ragazzi che vogliono imparare a fare musica. A Berlino, chi vuole intraprendere la strada da Dj deve avere grande spinta motivazionale e importanti risorse economiche. Noi vogliamo rivolgerci a tutti quelle persone che per passione vogliono dedicarsi a questo, ma non hanno la disponibilità economica per farlo. Vogliamo dare voce a chi vuole avere voce. La musica che verrà prodotta nello studio sarò poi trasmessa in radio. I nostri programmi si occupano di tutto e mandano in onda musica di diverso genere, ci sarà quindi spazio per tutti. Per noi la cosa importante è essere una comunità e dare una comunità alle persone che arrivano. Il nostro slogan infatti è “Integrazione creativa” e ci rivolgiamo prevalentemente agli “espatriati”. Siamo tutti ragazzi tra i 25 e i 30, per metà italiani e per l’altra metà stranieri. Cerchiamo di parlare al maggior numero di persone possibili, per questo il nostro palinsesto la domenica è in inglese, e con questo nuovo studio vorremmo espanderci, non in termini economici, ma in termini di risonanza, così da coinvolgere ancora più persone.»

Il crowdfunding per la creazione di uno studio musicale aperto a tutti

Dalla registrazione del loro primo programma nel 2016, i tre fondatori della RBL sono oggi diventati una comunità aperta con quasi un centinaio di membri e migliaia di fan che si collegano alla radio e si riuniscono per eventi sociali e creativi. Si tratta di una comunità in espansione che per consentire il proseguo della loro attività, hanno ora bisogno di creare uno spazio idoneo alla radio con annesse attrezzature tecniche professionali. L’idea è quella di creare uno studio fornito di tutte le attrezzature a cui potranno avere accesso artisti e selezionatori che non sono in grado di permettersi certe strumentazioni. Il progetto vuole fornire uno spazio in cui le persone che non dispongono di tali apparecchiature a casa o non siano parte integrante del business della musica possano praticare ciò che amano in un ambiente aperto. Per realizzare tutto questo la radio ha aperto un crowdfunding per raggiungere la cifra (8.000€) necessaria alla creazione dello studio. I migranti, i giovani, gli studenti o chiunque possa sentirsi svantaggiato nel loro percorso creativo sono incoraggiati ad aderire e far parte di questo progetto. L’obiettivo è quello di creare una vera e propria controtendenza nell’ecosistema berlinese, che è sempre più soggetto alle logiche della concorrenza, opponendosi attraverso un modello concreto di integrazione creativa.

Link utili per supportare il progetto:

Il sito per il crowdfunding (sarà possibile fare una donazione fino all’1 maggio, nel caso in cui non venga raggiunga la cifra necessaria a far partire il progetto il ricavato raccolto verrà restituito tramite il sito stesso)

Pagina Facebook

Email: info@radiobandalarga.it

Leggi anche: Le dieci stazioni radio utili per farsi l’orecchio con il tedesco

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: © team radio

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *