5 ragioni per visitare il bellissimo Museo Mercedes di Stoccarda

130 anni di storia al Museo Mercedes

Visitare il Museo Mercedes di Stoccarda equivale ad andare a fondo in quella che è la storia della nota casa automobilistica. Al Museo Mercedes potrete scoprire per filo e per segno, osservando i modelli di automobile che si sono susseguiti nel tempo, l’intero percorso storico della casa automobilistica, attraverso un viaggio di 126 anni nella storia della compagnia. Ecco cinque ragioni per visitare questo splendido museo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#estugarda#museomercedesbenz#perfectdesign#incredibel

Un post condiviso da Tiago Machado (@machadinsss) in data:

[adrotate banner=”34″]

1. Le Sale del Mito al Museo Mercedes

Le Sale del Mito del Museo Mercedes raccontano la vera storia del marchio Mercedes Benz, partendo dalle origini e arrivando fino ai giorni nostri. Si parte quindi dalla leggendaria Mercedes del 1902, passando per i modelli Kompressor degli anni ’20 e ’30 fino alle moderne “ali di gabbiano”. I veri appassionati della storia del marchio Mercedes potranno ammirare con i propri occhi alcune delle auto che hanno fatto la storia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#freccedargento #mercedes #mercedesbenz #museomercedes #museomercedesbenz #museomercedesstoccarda #stoccarda

Un post condiviso da Cristian (@ilnorman) in data:

2. Le Sale della Collezione al Museo Mercedes

Le Sale della Collezione del Museo Mercedes contengono invece una grandissima quantità di veicoli contrassegnati con la stella a tre punte. Proprio all’interno di queste sale si trova infatti la galleria dei nomi, contenente alcuni modelli Mercedes molto famosi, come la “Papamobile”, la SL rossa della Principessa Diana, la grande Mercedes Tipo 770 dell’imperatore Hirohito e l’autobus utilizzato dalla Nazionale tedesca durante i Mondiali del 1974, vinti in casa proprio dalla Germania.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#museomercedesbenz#mercedes#macchinine#germania??

Un post condiviso da Erika Monastra (@erikamonblue) in data:

3. Osservare la storia dell’automobile dagli inizi ai giorni nostri al Museo Mercedes

All’interno del Museo Mercedes di Stoccarda non solo è possibile percorrere la storia di uno dei marchi più importanti nel settore automobilistico, ma ci possiamo anche rendere conto di quanto l’automobile in sé, con il passare degli anni, abbia completamente modificato lo stile di vita dell’uomo, acquistando un ruolo centrale nella vita quotidiana di tutti noi. Oggi la tecnologia ha permesso di fare degli ulteriori salti di qualità per quanto riguarda le prestazioni, il design e la guidabilità stessa dell’auto, ma fin dai suoi inizi l’automobile si è rivelata da subito l’invenzione del secolo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#museomercedesbenz#macchine#deutchland#germania??

Un post condiviso da Erika Monastra (@erikamonblue) in data:

4. Osservare da vicino il metodo di costruzione dei prototipi al Museo Mercedes

Perlustrando con attenzione il Museo Mercedes di Stoccarda è possibile anche capire quali sono i metodi di costruzione dei veicoli, sia per quanto riguarda quelli “vecchi” e storici, ma sopratutto per quelli di ultima generazione, che utilizzano tecnologie decisamente all’avanguardia che meritano di essere osservate a partire dalla loro installazione nella fase embrionale. Un modo per immergersi a fondo nel mondo Mercedes senza tralasciare nessun dettaglio al caso.

5. Una parte dedicata alla Formula 1 al Museo Mercedes

Il Museo Mercedes permette di osservare da vicino l’intera storia di questa casa automobilistica che ha fatto il giro del mondo, ma all’interno di questo contesto non vengono trattate solamente le auto da guida quotidiana, ma anche quelle della Formula 1, dove tra l’altro proprio la Mercedes ricopre un ruolo decisamente centrale, non a caso l’ultimo Mondiale è stato vinto proprio da Lewis Hamilton a bordo della vettura con il medesimo marchio.

Leggi anche: 100 eventi a Berlino da non perdere a marzo 2019

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: © cubicroot, CC0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *