5 cose da vedere a Orbetello, Toscana

Cosa visitare assolutamente ad Orbetello

Capitale dell’antico Stato dei Presìdi, Orbetello è un piccolo paese a sud della Toscana, oggi in provincia di Grosseto. Si trova al centro della laguna ed è fiancheggiato dai tomboli di Giannella e Feniglia. È, inoltre, collegato al monte Argentario tramite una strada chiamata diga che divide in due la laguna. A Orbetello sono presenti molti posti interessanti da visitare: tra gli edifici antichi ci sono, ad esempio, il mulino, la piazza Eroe dei due Mondi, la chiesa di Santa Caterina e la Polveriera Guzman. La lunga passeggiata che costeggia la laguna è, poi, il luogo adatto per rilassarsi.

View this post on Instagram

Ripescata….mia foto marzo 2012

A post shared by sergio40 (@sergiop40) on

1) Laguna

Uno dei luoghi più belli da cui si può ammirare il panorama di Orbetello è il convento dei frati passionisti, situato sulla sommità del monte Argentario. Da qui si ha una visuale completa di Orbetello, della sua laguna e dei due tomboli. La laguna si estende per circa 27 chilometri e ha una profondità media che va da 1 a 2 metri. Oltre ai numerosi pesci, come spigole, muggini, orate e anguille, si possono osservare diverse specie di uccelli, come il fenicottero rosa, il cavaliere d’Italia, l’airone bianco, tutte protetta dal WWF. Orbetello è, inoltre, un paese basato sull’itticoltura, per questo motivo si trovano numerosi ristoranti con cucina a base di pesce.

[adrotate banner=”34″]

2) Il mulino

Scendendo dal monte Argentario e percorrendo la diga, si arriva a Orbetello. Lungo la strada, sulla sinistra, si può ammirare il mulino, ultimo restante dei precedenti nove. Vennero tutti costruiti dai senesi nel ‘400 e ristrutturati dagli spagnoli nel secolo successivo. I mulini servivano per la macinazione del grano, il quale veniva in seguito portato a riva dai barchini tipici del luogo. L’unico mulino rimanente viene oggi utilizzato dalla società dei pescatori come magazzino per reti da pesca ed attrezzatura varia.

3) La Polveriera Guzman

Dalla parte opposta rispetto all’antico mulino si trova la Polveriera Guzman, utilizzata all’epoca come fabbrica e deposito di esplosivi. È proprio qui che Garibaldi si rifornì di armi durante la spedizione dei Mille. Ricco di reperti rinvenuti prevalentemente tra l’Ottocento e il Novecento nella zona tra Orbetello e Talamone, oggi è un museo archeologico aperto anche alle scuole.

View this post on Instagram

Beautiful place😍😍 #orbetello #polverieraguzman

A post shared by Sissi kitti (@sissi.kitti.57382) on

4) La piazza Eroe dei due Mondi

Nel centro storico di Orbetello, Corso Italia è una delle strade principali ricca di negozi, bar e ristoranti. Da visitare vi è, inoltre, la piazza Eroe dei due mondi, la più importante del paese. Su di essa si affaccia il palazzo del Podestà, con la torre dell’orologio e la statua del busto di Garibaldi. Proprio qui, in occasione di feste ed eventi speciali, vengono organizzati concerti con musica dal vivo.

5) Il Duomo di Santa Caterina

Dalla piazza Eroi dei due Mondi, uscendo dal lato destro, si trova Piazza della Repubblica, sulla quale si affaccia il Duomo di Santa Caterina, la chiesa principale di Orbetello. Costruito intorno al XIII secolo, il Duomo è stato progressivamente ristrutturato nel tempo. Oggi la facciata è in stile tardo gotico, come si può notare dal grande rosone centrale, mentre sulla sommità si trova l’effige di San Benedetto. A far parte dello stesso complesso vi è anche la cappella, situata nella navata destra e dedicata a San Biagio, patrono di Orbetello. All’interno del Duomo si possono, inoltre, osservare numerosi affreschi riconducibili a periodi differenti.

6) La passeggiata lungo la laguna

Vi consigliamo, inoltre, la passeggiata lungo la laguna, così da poter ammirare il paesaggio e la natura circostante. In particolare, al tramonto si ha un bellissimo spettacolo di colori che vengono riflessi sulla superficie dell’ acqua. Questa passeggiata permette di attraversare Orbetello da  nord a sud fino alla bellissima spiaggia della Feniglia. Più lontana è, invece, la spiaggia della Giannella, raggiungibile in auto o pullman.

View this post on Instagram

Corri sofy, corri! #aiuto #sfinita #mitocca 🏃🙈

A post shared by Sofia ☀ (@sophilubrano) on

[adrotate banner=”39″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Immagine di copertina: © Matteo Gubernari

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *