L’università di Potsdam cerca volontari italiani per uno studio scientifico retribuito

Giriamo un annuncio per chi vuole aiutare la ricerca a Berlino, avendo anche un rimborso.Viene da parte del gruppo PECoG (Potsdam Embodied Cognition Group) dell’università di Potsdam.

“Si cercano madrelingua italiani maggiorenni maschi, con non più di 40 anni e destrimani, per uno studio di stimolazione magnetica transcranica (TMS), una tecnica non invasiva e sicura che ci consente di stimolare direttamente specifiche aree del cervello – in questo caso la corteccia motoria. Nella nostra procedura è inoltre prevista la registrazione della conseguente attività muscolare della mano e della gamba (se siete giocatori di calcio meglio). L’esperimento si tiene a Potsdam e consiste in due sessioni di circa 1h/1h30 ciascuna possibilmente da svolgersi in orari e giornate medesime a distanza di una settimana. Si viene pagati 10 € per ogni ora di esperimento. Nonostante il nome altisonante,  tale tecnica è assolutamente sicura, non invasiva (non vengono applicati elettrodi in testa per intenderci!) e non dolorosa !!!”

Per maggiori informazioni contattate buccino2013@gmail.com e consultate http://www.uni-potsdam.de/pecog/?q=node/490 

UPDATE 14 LUGLIO 2014: la proposta è ancora valida

Schermata 03-2456738 alle 07.55.10
Foto di copertina: Universität Potsdam – Am Neuen Palais © Hedavid CC BY-SA 3.0

2 commenti
  1. Giovanni
    Giovanni dice:

    La Germania è proprio un altro paese. Non ne conosco il motivo della ricerca di solo “maschi ed italiani” ma certamente in Italia vi sarebbero state interrogazioni parlamentari, cortei di protesta e chissà che altro.
    Giovanni

    Rispondi
  2. michele
    michele dice:

    Sono un ragazzo italiano, ho 16 anni e vivo a San Severo vorrei partecipare a questo esperimento assieme, so che la mia eta non soddisfa le esigenze riportate sul sito ma vorrei che prendeste in considerazione la mie parole, Grazie.
    Michele Fano

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *