La bambina tedesca con un nuovo cellulare che ha fatto impazzire la polizia a Natale

A Natale la polizia tedesca pensava di trovarsi di fronte a un serio caso di emergenza. In realtà le 19 chiamate ricevute da un numero mobile erano state inoltrate per sbaglio da una bimba di 6 anni che stava testando il cellulare ricevuto in regalo per Natale.

Oggigiorno sempre più bambini ricevono smartphone o telefoni cellulari in regalo. Per quanto i giovanissimi di oggi siano estremamente portati a utilizzare queste tecnologie già in tenera età, una supervisione dei genitori è sempre auspicabile, non soltanto per i contenuti potenzialmente pericolosi in cui i minori possono incappare sul web, ma anche per l’uso improprio che possono fare del mezzo. Un esempio di quest’ultimo rischio è quanto accaduto lo scorso 25 dicembre in Germania: come riportato da Berliner Morgenpost, una bimba di 6 anni di Sulzbach/Saar, comune situato nel Bundesland tedesco di Saarland, ha ricevuto un cellulare come regalo di Natale, regalo che ha deciso di testare immediatamente telefonando per sbaglio alla polizia. E non una, bensì 19 volte.

I fatti

La bambina in questione ha inoltrato ben 19 volte la chiamata di emergenza alla polizia. Dall’altro capo della cornetta i funzionari hanno sentito la voce della bimba e hanno subito pensato a un’emergenza, come riportato dalle forze dell’ordine stesse. Poiché i tentativi della polizia di mettersi in contatto con chi aveva effettuato la chiamata rimanevano senza risposta, i funzionari hanno deciso di risalire all’intestatario della linea, che è risultato essere la madre della bambina. A questo punto la polizia ha invitato la donna a spiegare alla figlia le funzioni del telefono. L’inoltro improprio della chiamata di emergenza può infatti condurre a una denuncia, hanno sottolineato i funzionari.

[adrotate banner=”34″]

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”37″]

Foto di copertina: Smartphone as Child Toy © Intel Free Press CC BY-SA 2.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *