api

Berlino inaugura hotel per le api per salvare il “pianeta”

Berlino punta a salvaguardare la biodiversità inaugurando hotel per le api. Uno di questi si trova sul tetto del Duomo.

Uwe Marth è un apicoltore berlinese che cura un alveare sul tetto del Duomo di Berlino, dando così una casa a circa 30 mila api. L’idea di installare un alveare in pieno centro città è venuta a Corinna Hoelzer. La donna è stata ispirata dal gesto di un apicoltore francese che nel 1980 portò le api sul tetto dell’Opéra Garnier a Parigi. Tuttavia ka scelta del luogo non in fondo così strana: il centro di Berlino è infatti ricco di fiori e aiuole e dalla zona del Duomo le api possono volare fino ai vicini castagni sulla via principale Unter den Linden. Per quanto paradossale possa sembrare, la città offre alle api più nutrimento che la campagna, dove ogni campo è destinato all’agricoltura di piante erbacee le quali fioriscono solo per un brevissimo periodo. Inoltre è stato provato che il miele prodotto dalle api di città non contiene tracce di metalli provenienti dai gas di scarico perché queste tossine vengono filtrate dagli animali stessi, cosa che invece non avviene con i pesticidi.

Un grande progetto

La Germania è una nazione ecologista, molto attenta alla fauna e attiva sul fronte della protezione delle api, che sono molto più importanti di quel che realizziamo. Per esempio, un supermercato di Hannover ha voluto sensibilizzare i suoi clienti su questo tema tramite un’azione particolare, ma molto efficace, di cui abbiamo scritto qui. Nel 2017 la Germania ha stanziato 400.000 euro, di cui 100.000 provengono dal centro tedesco per la protezione animale, per salvaguardare la flora e la fauna della capitale. Il progetto è nato da un dato allarmante: più di 6.000 api non sono sopravvissute all’inverno 2016/2017. Il segretario di stato per l’ambiente Stefan Tidow ha dichiarato che «con il progetto, che ha avuto inizio nel quartiere di Charlottenburg, vogliamo incrementare la biodiversità e sostenere la sopravvivenza delle api». In concreto verranno piantati nuovi fiori che possano fornire nutrimento a questi insetti. Inoltre la Germania incoraggia tutti i cittadini a creare hotel per le api, ovvero casette di legno e mattoni che offrono loro protezione.

Non solo miele

Infine una curiosità: secondo l’associazione tedesca degli apicoltori Deutscher Imkerbund, il ricavo economico proveniente dal lavoro di impollinazione supera i ricavi delle vendite di miele. Le api sono il terzo animale più produttivo per la nostra economia dopo mucche e maiali.

[adrotate banner=”39″]

Berlino Schule tedesco a Berlino

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

Foto di copertina: © PollyDot, CC0

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Per approfondimenti: Il Sole 24 Ore: “Nuovi mestieri: così l’apicultore diventa urbano (con un investimento iniziale di 500 euro) Apicoltura urbana Le Journal du Dimanche: “Notre-Dame : les 200.000 abeilles des ruches de la cathédrale ont survécu à l’incendie” Vitamina Bee: “Notre-Dame e le api di Parigi” Berlino Magazine: “Berlino inaugura hotel per le api per salvare il “pianeta” […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *