La storia dell’albero tedesco che da 131 anni è usato come casella postale per single

Nella città tedesca di Eutin si trova una quercia speciale: da 131 anni qui arrivano le lettere di persone alla ricerca della propria anima gemella

Ricordate il film “Letters to Juliet”? Per chi se lo fosse perso, questo fa riferimento alle cosiddette “segretarie di Giulietta“, un gruppo di volontarie che risponde alle lettere inviate a Verona alla famosa figura shakespeariana. Inutile dire che parliamo di messaggi a tema amoroso. Il tutto ebbe inizio nel 1930, quando il custode della tomba di Giulietta, Ettore Solimani, iniziò a rispondere alle richieste di consigli lasciate dai visitatori. Ma anche in Germania c’è un luogo dove arrivano le lettere di uomini e donne alla ricerca dell’amore. Si tratta di una quercia di almeno 500 anni situata nella foresta di Dodauer, nella regione dello Schleswig-Holstein. Secondo la Deutsche Post, circa 1.000 lettere vengono spedite ogni anno al famoso albero, che dal 1927 ha un proprio indirizzo e persino un suo postino. Si ritiene che negli ultimi 131 anni la quercia abbia portato ad almeno 100 matrimoni. Eliot Stein, di BBC Travel, ha avuto l’occasione di parlare con Karl-Heinz Martens, ex postino della cosiddetta Bräutigamseiche (in italiano “quercia dello sposo”).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Christian S. (@baltic_visuals)

Quando tutto ebbe inizio

Nel 1890, molto tempo prima delle app di incontri, due giovani della zona, Minna e Wilhelm, iniziarono ad utilizzare la cavità presente nella quercia come nascondiglio per i loro messaggi d’amore. Il padre della ragazza infatti non approvava la loro relazione e i due erano costretti a comunicare in segreto. Quando finalmente la coppia riuscì ad ottenere la benedizione dell’uomo, il loro matrimonio fu celebrato proprio sotto la quercia. Da quel momento, sempre più persone cominciarono a scrivere lettere all’albero per trovare la propria anima gemella. Oggi qui arrivano ormai messaggi da tutto il mondo, anche da parte di chi magari sta cercando semplicemente un amico di penna. Solitamente le lettere contengono una descrizione della persona che l’ha inviata e chi le trova può decidere se rispondere o se rimetterle nella cavità. Per raggiungere più facilmente quest’ultima, è stata costruita una scala di tre metri. Su questa stessa scala si arrampicava ogni giorno il signor Martens, durante i suoi 20 anni di servizio come postino della quercia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BBC World Service (@bbcworldservice)

La storia del signor Martens

Lo stesso Karl-Heinz Martens, postino della quercia dal 1984 al 2004, ha trovato l’amore grazie all’albero. Nel 1989 l’uomo trovò tra le lettere destinate alla quercia una nota rivolta proprio a lui. Una donna di nome Renate gli scriveva che avrebbe tanto voluto conoscerlo. E così fu. I due si sposarono cinque anni dopo sotto la loro quercia. Oggi il signor Martens ha 75 anni ed è sposato da ben 27 anni con la sua Renate. L’ex postino ritiene di avere ormai una connessione speciale con l’albero. Sia lui che la pianta col tempo si sono indeboliti e, proprio nel periodo in cui all’uomo venne diagnostica la leucemia, la pianta fu affetta da una malattia fungina. Per fortuna gli arboristi se ne accorsero in tempo e, tagliando alcuni rami, riuscirono ad impedire che l’infezione si espandesse. Speriamo che la quercia centenaria continui a portare fortuna ai romantici di tutto il mondo ancora per molto tempo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DW Meet the Germans (@dw_meetthegermans)

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Bräutigamseiche Sept 2014d.jpg / ©Holger.Ellgaard / CC Attribution-Share Alike 4.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *