Germania vuole bloccare uno dei siti per adulti più famoso al mondo

I funzionari tedeschi stanno cercando di costringere i siti per adulti a introdurre il controllo dell’età. Uno dei più grandi sta rischiando un blocco totale

I funzionari tedeschi per la protezione dei minori nei media (KJM), stanno per bloccare uno dei più grandi siti per adulti del mondo. I funzionari emetteranno un ordine di blocco ai più grandi fornitori di servizi Internet del paese. Sostengono che un sito Web per adulti, quale è xHamster, dovrebbe essere reso inaccessibile agli 83 milioni di abitanti in Germania. L’ordine di blocco potrebbe essere emesso nelle prossime settimane dalla Commissione per la protezione dei minori nei media. Tutto questo a causa della mancata introduzione da parte di xHamster di controlli di verifica dell’età, al fine di impedire ai minori di 18 anni di accedere al sito.

La Germania vuole una stretta

I legislatori di tutto il mondo, inclusi Canada, Francia, Regno Unito e alcuni stati degli Stati Uniti, stanno provando ad introdurre ulteriori misure per impedire ai minori di accedere a materiali per adulti online. La mossa della Germania, tuttavia, è una delle misure più radicali adottate finora, e qualcuno l’ha paragonata alla censura.  Marc Jan Eumann, presidente del KJM, non vuole dichiarare apertamente contro quali siti si stanno prendendo provvedimenti. Ma alcune fonti affermano che il provvedimento sia verso xHamster, You*orn, *ornhub e MyDirtyHobby, tutti di proprietà di MindGeek. Eumann sostiene che queste aziende dovrebbero mettere in atto sistemi di controllo dell’età, al fine di assicurarsi che i loro visitatori non siano bambini. La legge dice che i contenuti dei siti dovrebbero essere accessibili solo agli adulti, sostiene. Tutti e quattro i casi i siti per adulti, che hanno versioni in lingua tedesca, sono invece accusati di non aver introdotto sistemi di verifica dell’età.

I precedenti di xHamster

I funzionari avevano già cercato di convincere le società web a imporre volontariamente blocchi web su xHamster nell’agosto 2020, secondo  alcuni documenti . Ma i provider di Internet si sono rifiutati di bloccare volontariamente i siti , mettendo in moto una lunga resa dei conti legale. “Abbiamo già parlato con loro, non sono contenti”, sostiene Eumann. Paulita Pappel, co-fondatrice del sito per adulti Lustery e curatrice del Pornfilmfestival di Berlino, afferma che sarebbe un male se la Germania “creasse questo firewall, che iniziasse a bloccare i siti“. “Ciò spingerebbe le società di produzione ancora più ai margini. Probabilmente sposterebbero i loro server”. Ma Eumann continua a sostenere che le azioni che sta intraprendendo non riguardano il materiale in sé, ma piuttosto la protezione dei minori. “Non partiamo da questa prospettiva dal presupposto che abbiamo qualcosa contro la pornografia”, dice. “Non è contro la neutralità della rete, non è contro la libertà di parola. È solo per la protezione dei minori“.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Leggi anche:Pirateria nella musica, le mosse della Germania

Immagine di copertina: Photo by Alina Rubo on Unsplash

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *