5 cose da vedere a Monschau, perla tedesca dell’Eifel ricordo di un’epoca lontana

Le 5 attrazioni che rendono Monschau, patrimonio storico dell’Eifel tedesco, una delle mete più gettonate dai turisti

Monschau è una piccola città storica tedesca, chiamata anche “Perla dell’Eifel”, poiché situata negli splendidi paesaggi della regione Eifel. Le strade strette e acciottolate e le case a graticcio, che sono rimaste invariate per più di 300 anni, rendono questa cittadina unica nel suo genere. La città fu originata nel 1195 e prende il nome dal castello situato sullo sperone di una montagna sopra il fiume Rur. Fu chiamato “Mons loci” per la prima volta nel 1198, nel 1217 “Munioie” e nel 1226 “Monjoje”. Nel 1800 venne utilizzato il nome “Montjoie” in seguito al dominio francese in Renania. Infine, in seguito alla sconfitta subita nella Prima Guerra Mondiale e alla conseguente Francofobia, il nome fu germanizzato in Monschau nel 1918. In passato la città era stata un grande centro di produzione tessile, che prosperò nel XVIII secolo. Di seguito, le 5 attrazioni principali di Monschau.

1. Kalterherberg

E’ un distretto collocato nella parte sud-occidentale della città di Monschau. E’ una meta molto apprezzata da ciclisti ed escursionisti poiché vi è la possibilità di intraprendere vari percorsi, tra cui l’High Eifel Route attorno al Parco Nazionale dell’Eifel, che offrono la vista di panorami mozzafiato, come le distese di faggi maestosi e le bizzarre formazioni rocciose.

2. Mercatini di Natale

Il Mercatino di Natale di Monschau è uno dei più rinomati della Germania. Si svolge nella Marktplatz, dove gli artigiani e i commercianti del posto, offrono i loro prodotti dalle loro casette di legno. Il mercatino è inoltre animato da musicisti e spettacoli. In questo periodo anche i negozi del paese si trasformano in piccoli mercatini natalizi. Inoltre, è d’obbligo una visita alla Weihnachtshaus (la Casa del Natale), un negozio di tre piani che vende solamente oggetti relativi al Natale.

 

3. L’antico Senfmühle

La mostarda rimane un prodotto tipico di Monschau e, nell’antico mulino, essa viene ancora prodotta attraverso la ricetta tradizionale. Quando fu installato nel 1882, il mulino operava per mezzo di una ruota idraulica, mentre oggigiorno funziona grazie all’elettricità. Inoltre, vi è un piccolo negozio in cui è possibile comprare varietà di mostarda differenti.

4. Rotes Haus (Casa Rossa)

É locata al centro della città e spicca notevolmente per il colore rosso della sua facciata. Questa villa apparteneva nel 1756 a Joahn Heinrich Scheibler, uno dei più importanti produttori  e commercianti di tessuti di tutta la città. L’edificio ora è un museo, che vanta di un interno storico caratterizzato dallo stile Rococo. Di particolare interesse è la scala a chiocciola aperta a tre piani, decorata con intagli in legno che rappresentano tutti i principali passaggi della produzione di tessuti.

5. Burg Monschau (castello di Monschau)

Il vecchio castello di Monschau risale al XIII secolo. Tuttavia, fu attaccato e sequestrato dall’imperatore Carlo V nel XVI secolo. Il castello cadde in rovina dopo che i proprietari fecero rimuovere il tetto nel 1836-37 per evitare la tassa di proprietà. Agli inizi del XX secolo intraprese un’iniziativa per salvare l’edificio storico dalla distruzione completa. Oggi è utilizzato come un ostello della gioventù e in estate come sede di concerti e opere liriche.

Leggi anche: la Germania taglia del 3% l’iva per aiutare l’economia

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 45 ore collettivi (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram  e  Twitter 

Immagine di copertina: Pixabay

1 commento
  1. Luigi
    Luigi dice:

    Articolo molto interessante! Personalmente ignoravo l’esistenza di Monschau, alla prima occasione la visiterò sicuramente!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *