A Berlino si discute del rapporto di Primo Levi e i tedeschi

Conferenza presso la Freie Universität con Martina Mengoni

Martina Mengoni, docente dell’Università di Pisa, presenterà presso la Freie Universität Berlin il frutto della sua ricerca. Durante la conferenza “Primo Levi e i tedeschi”, la ricercatrice analizzerà la figura di Primo Levi, sopravvissuto ad Auschwitz, al fine di ottenere una migliore comprensione dei “tedeschi”.

[adrotate banner=”34″]

“Primo Levi e i tedeschi”: legame a confronto

Nella storia, i tedeschi hanno appoggiato due posizioni: da una parte, ci sono coloro i quali sono stati complici dei crimini commessi, dall’altra ci sono quelli che considerano Primo Levi una testimonianza storica del dopoguerra. Tuttavia, proprio la posizione di questi ultimi è sembrata ambigua e poco chiara. Durante la scrittura di Se questo è un uomo, Primo Levi intrattenne una corrispondenza epistolare con alcuni dei suoi lettori in Germania, tra cui Hety Schmitt Maass, cresciuto in una famiglia antifascista, Wolfgang Beutin, un ventiseienne socialdemocratico e Ferdinand Meyer, chimico del laboratorio Monowitz di Auschwitz, dove Levi era costretto ai lavori forzati. Ognuno di loro ha contribuito a delineare la figura e posizione dei tedeschi nella storia.

I dettagli sull’evento

La conferenza si terrà mercoledì 29 maggio dalle ore 18 in poi presso la Freie Universität Berlin, Habelschwerdter Allee 45, Raum L 115. L’incontro sarà inoltre introdotto da Bernhard Huss, Direttore del Centro Italiano della Freie Universitat.

Primo Levi e i tedeschi

Mercoledì 29 maggio, ore 18

Freie Universität Berlin, Habelschwerdter Allee 45, Raum L 115

Leggi anche: Quando Primo Levi definiva il nazismo il coronamento del fascismo

[adrotate banner=”39″]
Berlino Schule tedesco a Berlino

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]
Immagine di copertina: Primo Levi seduto alla scrivania mentre legge, Anonimo, public domain on Wikipedia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *