Berlino, i due pinguini maschi non riescono a far schiudere l’uovo adottato

I due pinguini imperatore maschi del Tierpark Zoo di Berlino non sono riusciti a far nascere l’uovo che avevano tenuto al caldo durante agosto

I due pinguini imperatore maschi del Tierpark Zoo, Skipper e Ping, non sono riusciti a diventare genitori. Il 2 settembre si è scoperto che l’uovo di cui si erano presi cura in realtà non era stato fecondato sufficientemente. I due pinguini avevano adottato l’uovo che era stato abbandonato da un pinguino imperatore femmina un mese prima. La coppia dello zoo aveva dato chiari segnali per quanto riguarda il desiderio di diventare genitori: infatti, avevano tentato di covare addirittura delle pietre, stando a quanto riportato dalla’agenzia di stampa tedesca DPA. Su Twitter il profilo ufficiale dello Zoo di Berlino fa comunque gli auguri alla coppia, sperando possano diventare genitori in futuro, come si può leggere nel post qui sotto.

Le coppie di pinguini gay sono abbastanza comuni, sia in natura che in cattività

Non è raro trovare coppie di pinguini maschi, questa però è la prima volta che accade allo Zoo di Berlino. Altre coppie di pinguini gay hanno portato a termine la nascita, per esempio una coppia di pinguini Papua maschi sono diventati genitori (è successo all’Acquario di Sidney lo scorso anno). Un portavoce dello zoo, Norbert Zahmel, ha affermato che i due sarebbero stati ottimi genitori adottivi.

Ora si spera nell’eventualità che diventino genitori in futuro

Non si esclude che la coppia possa riprovare a covare un uovo e diventare genitori. I due avevano già dato prova di essere genitori “esemplari”, secondo un altro portavoce dello zoo, Maximilian Jäger. I pinguini facevano infatti i turni per mantenere l’uovo al caldo.

Leggi anche: Berlino, auto investe passanti a Mitte: quattro vittime

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: baby penguin, ©Siggy Nowak, CC0, on Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *