Police, il film con Omar Sy che mostra come funziona la polizia francese – Berlinale

Police, il film francese sulla difficile scelta di tre poliziotti durante una missione notturna

A volte per fare la cosa giusta bisogna andare al di sopra della legge. Anche quando sei un poliziotto e il tuo ruolo è proprio quello di rappresentare la legge. Police, film visto in prima visione mondiale alla Berlinale, racconta l’improbabile turno notturno di tre poliziotti che devono portare a termine una missione misteriosa, trovandosi di fronte a una difficile scelta morale. La forte e determinata poliziotta Virginie è la protagonista del film, che con la sua forza di volontà travolgente dovrà andre contro i colleghi e il proprio dovere per salvare una vita umana.

La trama di Police

I protagonisti di Police sono Virginie, Erik e Aristide, tre poliziotti in una stazione di polizia di una grande città. Si offriranno volontari per un misterioso turno notturno per sfuggire a problemi personali. Virginie e Erik, infatti, vivono un periodo di crisi matrimoniale con i rispettivi partner. Aristide si unisce alla missione a causa della sua storia d’amore extraconiugale con Virginie. I tre dovranno scortare un migrante all’aeroporto per il rimpatrio senza che vengano date loro spiegazioni. Il tagikistano Tohirov diventerà quindi il quarto protagonista del film, coinvolto in un improbabile viaggio. Tohirov non sa parlare e non capisce francese, causando non pochi problemi di comunicazione sul furgoncino della polizia. Virginie inizia a notare qualcosa di sospetto nella faccenda, e costringerà i suoi colleghi a mettersi di fronte a un’importante scelta che potrebbe salvare una vita, pur compromettendo il loro lavoro.

I personaggi di Police

La vera forza di Police sta proprio nei suoi personaggi. Una lunga introduzione permette allo spettatore di capire perfettamente chi sono Virginie, Erik e Aristide. Virginie è la vera protagonista del film. Interpretata dal volto noto del mondo del cinema francese Virginie Efira, incarna la figura dell’eroina moderna: determinata, dotata di integrità morale e capace di ribaltare gli stereotipi in un mondo prevalentemente maschile. Tuttavia i problemi personali avranno spesso la meglio: la situazione difficile con il marito e la storia d’amore con il collega Aristide saranno più volte in grado di distrarla. Aristide è dotato di senso di umorismo, ma anche di senso del dovere. Sarà proprio Aristide (interpretato da Omar Sy, protagonista anche in Quasi Amici) a seguire Virginie nella sua decisione, facendo cambiare idea anche al titubante Erik. Erik, interpretato da Grégory Gadebois è dedito al lavoro e fatica a capire il punto di vista di Virginie e Aristide. Tohirov, invece, è lo sfortunato e silenzioso tagikistano interpretato da Payman Maadi che, non parlando francese, deve cercare di capire come può i tre poliziotti.

Quando vedere Police

Sabato 29 febbraio alle 9.30 allo Zoo Palast 1

Sabato 29 febbraio alle 16.00 al Friedrichstadt-Palast

Domenica 1 marzo alle 12.15 al Berlinale Palast

Leggi anche: Curveball, il film sulla bugia che mandò in tilt CIA e servizi segreti tedeschi – Berlinale

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter!

Immagine di copertina: © Berlinale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *