Squid Game https://www.youtube.com/watch?v=oqxAJKy0ii4 CC0

In una scuola di Berlino hanno emulato Squid Game e un bambino è rimasto ferito

La serie Squid Game torna a far parlare di sé. In una scuola di Berlino dei ragazzini emulano il gioco e saltano sulla testa di un compagno

Ancora una volta si torna a parlare della serie evento di Netfix “Squid Game”, che ha debuttato sulla piattaforma lo scorso settembre. Nonostante sia vietata ai minori di 16 anni, ad essere affascinati da questa serie sono principalmente i bambini delle scuole elementari. Infatti, in una scuola di Spadau alcuni ragazzini hanno emulato il gioco, saltando sulla testa di un compagno. La direttrice della scuola, che ha sorpreso i bambini mentre giocavano, ha subito informato i rappresentanti dei genitori riguardo l’accaduto, sostenendo che la serie sia molto pericolosa.

Un enorme successo per una trama brutale

Dopo il suo debutto sulla piattaforma di Netflix il 17 settembre, Squid Game è la serie sudcoreana che ha riscosso un enorme successo. Oltre 111 milioni di persone, infatti, l’hanno seguita. Dal suo esordio, Squid Game non ha fatto altro che far parlare di sé. Criticando apertamente la società sudcoreana, caratterizzata da una crescente disuguaglianza e da forti discriminazioni nei confronti delle minoranze, la serie ha colpito senza pietà lo spirito del suo Paese. La sua trama è molto semplice, anche se brutale: in nove episodi, centinaia di persone afflitte da problemi economici, competono l’una contro l’altra in quelli che, apparentemente, sembrano essere giochi per bambini. Tuttavia, mentre al vincitore spetta un ingente somma di denaro come ricompensa, la competizione non concede seconde possibilità. Chi perde, infatti, viene spietatamente ucciso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SQUID GAME (@squidgamenetflixtvofficial)

L’emulazione della serie all’interno delle scuole

Nonostante la serie sia vietata ai minori di 16 anni, sono proprio i bambini delle scuole elementari ad esserne più affascinati. Infatti, in diverse scuole i ragazzini non solo sono a conoscenza della serie e ne parlano con gli altri compagni, ma ne ricreano le dinamiche  all’interno dei cortili. Nella scuola elementare di Spandau, infatti, la direttrice ha sorpreso un gruppo di alunni di terza elementare emulare la serie. Dopo aver perso un gioco, i bambini si sono lanciati contro un compagno e hanno cominciato a saltargli sulla testa. Tuttavia, il bambino ha sopportato le violenze perchè considerate essere parte del gioco. La direttrice ha subito informato i rappresentati dei genitori riguardo l’accaduto sostenendo che si tratti di una serie molto pericolosa e inadatta alle visione dei bambini.

Il ruolo dei genitori

Discussioni e preoccupazioni nei riguardi della serie sono sorte a seguito dei numerosi episodi di emulazione che si sono verificati nelle scuole, e non solo in Germania. Infatti, si teme che la serie e la sua trama possano incoraggiare i bambini al bullismo e alla violenza nei confronti dei loro coetanei. Il Presidente dei comitato dei genitori di Berlino, Norman Heise, si è espresso sulla questione, affermando che è compito dei genitori controllare il modo in cui i propri figli trascorrono il tempo libero. Tuttavia, gli stessi genitori hanno ammesso di aver permesso ai propri figli di seguire la serie in loro compagnia. Haise ha continuato sostenendo che bisognerebbe impedire ai propri figli di accedere a contenuti che non sono adeguati alla loro età.

Il parere della Corea del Nord

Anche in Corea del Nord non sono tardati i commenti relativi al successo di Squid Game. Vista la forte critica nei confronti dell’ineguaglianza sociale e delle discriminazioni all’interno della società sudcoreana, la Corea del Nord si è espressa positivamente a suo riguardo. Infatti, secondo il sito web di propaganda nordcoreano “Arigang Meari“, la serie televisiva di Squid Game rappresenterebbe uno specchio dell’iniqua società capitalista sudcoreana. La comunità, infatti, si caratterizza per la grande presenza di corruzione e al suo interno le persone più povere sono considerate spesso pedine nell’ ampia scacchiera dei più ricchi.

Leggi anche: Nelle scuole di Berlino si sta sconsigliando la visione di Squid Game

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: screenshot da YouTube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *