Germania, uno stato federale sta per togliere tutte le restrizioni regionali dal 6 giugno. Prove di normalità

La Turingia fa le prove generali per un completo ritorno alla normalità

Il governatore della Turingia Bodo Ramelow ha annunciato che dal 6 giugno non ci sarà più una normativa regionale legata al Coronavirus. La proposta dovrebbe diventare realtà martedì quando si riunirà il consiglio regionale.” Dal 6 giugno, vorrei che sia revocato il blocco generale e sostituito con un pacchetto di misure incentrate sulle autorizzazioni locali”. Lo stato si trova al centro della Germania ed è uno dei meno popolosi della nazione con 2,2 milioni di abitanti. La sua capitale è Erfurt (300 km a sud ovest di Berlino). Bodo Ramelow, esponente della Linke (Sinistra)  è a capo dello stato dal 2014. È stato rieletto lo scorso 4 marzo grazie ad una difficoltosa alleanza tra il suo partito, l’Spd e i verdi.

Le linee generali del piano della Turingia

Da quel che emerso finora dal piano di Ramelow, ogni zona della regione avrà la possibilità di assumere speciali normative, ma non ci sarà un coordinamento dello stato federale. Neanche l’uso delle mascherine all’interno dei negozi o dei mezzi pubblici rimarrà obbligatorio salvo diversa scelta dei vari sindaci. Verranno ad ogni modo fatti tamponi a tutti gli insegnanti e gli educatori nelle scuole e nelle scuole materne anche se non hanno nessun sintomo.

Coronavirus, la situazione in Turingia

.In Turingia al momento ci sono ufficialmente 152 casi attivi di cui 19 segnalati nelle ultime 24 ore (dati della Berliner Morgenpost). I casi totali dall’inizio della pandemia sono 2857, di cui 2440 guarigioni. I decessi sono 165. In Germania la situazione è di 179.986 casi totali, di cui 160.016 guarigione e 8724 decessi.

Studia tedesco via Skype con lezioni private o collettive, corsi da 48 ore (max 8 persone) a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *