screenshot der Spiegel

Der Spiegel: “Sanità e scuola pessime, nessuna ragione per votare il PD in Italia”

Impietosa analisi della situazione politica italiana da parte del popolare settimanale tedesco

“La metà delle famiglie italiane vive con 2mila euro lordi al mese, meno delle famiglie tedesche nonostante il costo della vita sia analogo, metà dei giovani è in fase di riqualificazione o è disoccupata, il sistema sanitario è pessimo così come la scuola tanto che i ricchi mandano i propri figli in istituti privati, insomma: perché gli elettori italiani, persino quelli di sinistra, dovrebbero votare per il PD?”. Con una lunga analisi dal titolo “Difficile da salvare” e incentrata sulla situazione politica italiana in vista delle prossime elezioni, il settimanale der Spiegel spiega le ragioni del possibile fallimento del centrosinistra italiano.

Lotte interne fratricide tra i socialdemocratici

Spiega , corrispondente della rivista: “Le fondamenta della sinistra italiana si stanno sgretolando anche in Toscana, tradizionalmente terra di voti sicuri. Le guerre fratricide all’interno del partito sono le stesse da sempre e nessuno è pronto a fare un passo indietro. Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano e rispettato in tutto il Paese ha dovuto fare un passo indietro dopo aver tentato di fare da paciere tra i vecchi padri del partito come D’Alema e Bersani e la generazione di Renzi, l’unico a credere ancora in un miracolo. Spera di fare come Macron. A volte annuncia che si aspetta il 40% dei voti, a volte il 30%, ma quando si parla di specificare con quale partito o con quale squadra di governo allora non dice niente”.

Le elezioni parlamentari in Italia

In Italia si aspetta lo scioglimento delle camere a seguito dei prossimi incontri di Mattarella con il Presidenti Boldrini e Grasso. Le elezioni saranno probabilmente il 4 marzo.

[adrotate banner=”21″]

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

[adrotate banner=”34″]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *