USA vs URSS durante la Guerra Fredda nei quadri: a Berlino una mostra fichissima

Una mostra che esamina come gli artisti di entrambe le parti del conflitto Est-Ovest hanno reagito alle questioni politiche ed estetiche del tempo

Nell’anno del 60° anniversario della costruzione del muro, lo spazio espositivo del Gropius Bau ospiterà la mostra “The Cool and the Cold. Painting in the USA and the USSR 1960-1990. Ludwig Collection” che riunisce le opere dei maggiori artisti dell’Occidente americano e del panorama sovietico durante il periodo della Guerra Fredda. Tra i nomi spiccano quelli di Warhol, Pollock, Kabakov, Bulatov e Frankenthal. Tutte le opere provengono dalla collezione Ludwig. Infatti, Peter e Irene Ludwig sono stati tra i primi collezionisti europei di arte internazionale: il loro lascito comprende sia opere che appartengono alla Pop Art americana, sia quei dipinti ideologici provenienti dalle zone politicamente vicine all’URSS. Si imbastisce così un confronto – che coinvolge estetica e politica – tra quelli che al tempo furono i due poli attraverso cui era suddiviso il mondo. L’arte dunque diviene la lente d’ingrandimento attraverso cui analizzare le ideologie e le spaccature che da esse sono derivate.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Contemporary (@popart.kisss)

La location perfetta per comprendere al meglio il rapporto tra Est-Ovest durante il conflitto

La mostra allestita al Gropius Bau sarà ancora più suggestiva grazie alla particolare posizione in cui sorge l’edificio: infatti, lo spazio museale si trova vicino ai resti del Muro, sopra quello che allora era il confine tra Occidente e Oriente. Lo spettatore, dunque, potrà così immergersi nell’atmosfera di divisioni e contrasti attraverso molteplici modalità. Le diverse prospettive artistiche si coniugheranno in un confronto che richiama i temi relativi ai confini, all’appartenenza nazionale, alla proprietà e alla concezione degli oggetti tra consumismo e capitalismo. Due ideologie, così diverse per i loro contenuti, eppure così simili per gli effetti polarizzanti che hanno prodotto all’interno della società.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ben siow (@benwysiow)

La Collezione Ludwig in mostra: tra Pop Art e Avanguardia

La vasta collezione dei coniugi Ludwig comprende migliaia di opere d’arte internazionale appartenenti a diversi periodi storici. Tra le altre, la donazione del 1976 all’attuale Museo Ludwig di Colonia ha fatto conoscere all’Europa la Pop Art e i suoi artisti. Il confronto con le altre opere dell’allora giovane arte tedesca già allora consentiva di osservare come arte e politica fossero inesorabilmente collegate e influenti l’una per l’altra. E durante la mostra “The Cool and the Cold” queste sfumature si colgono in modo ancora più evidente. Gli oggetti riprodotti in serie della Pop Art americana, i poster pubblicitari con la bandiera statunitense si incontrano e si scontrano con gli oggetti quotidiani dell’astrattismo, con i manifesti con la falce, il martello e scritte cubitali. La giustapposizione delle opere rivelerà le contraddizioni del pensiero globale e dei singoli artisti, che nel periodo della Guerra Fredda hanno dovuto accordare espressione individuale e quadro socio-politico.

L’evento: 

The Cool and the Cold. Painting in the USA and the USSR 1960-1990. Ludwig Collection.

Organizzatori: Gropius Bau, Ludwig Foundation

Artisti maggiori: Andy Warhol, Ilya Kabakov, Erik Bulatov, Lee Lozano, Jackson Pollock, Helen Frankenthaler, Viktor Pivovarov, Natalya Nesterova, Ivan Čuijkov.

Coordinamento: Brigitte Franzen, Carla Cugini, Stephanie Rosenthal

Location: Gropius Bau, Niederkirchnerstraße 7, 10963 Berlin

Durata: dal 24 settembre 2021 al 9 gennaio 2022

Orario della mostra: mer-lun 10.00-19.00 (chiuso il 24 e 31 dicembre)

Biglietti: 15 €, ridotto 10 €

 

Leggi anche: Il concerto di Bruce Springsteen del 1988 a Berlino Est che segnò la storia del Muro

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina:  The Cool and the Cold, da Museumsportal Berlin

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *