“State a casa”, poi però va a cena elettorale. Il Ministro tedesco della salute nella bufera

Ondata di critiche per il Ministro tedesco della salute Spahn, accusato di aver partecipato ad una cena elettorale

Lo scetticismo nei confronti dell’attività di Jens Spahn è ormai dilagante. Oltre i colleghi deputati anche il popolo tedesco sta perdendo rapidamente la fiducia nel Ministro a causa della sua lampante ipocrisia. Infatti, è di recente emerso che Spahn avrebbe partecipato ad una cena politica di raccolta fondi tenutasi a casa di un amico con una dozzina di persone. La cena si è svolta la sera del 20 ottobre 2020, proprio dopo che il Ministro ha esortato la popolazione a rimanere a casa per contenere la diffusione del Covid-19. Quel che ha creato ancora più scalpore è che, in seguito all’incontro, Spahn sarebbe risultato positivo al virus. Lo ha ammesso lui stesso domenica scorsa, in seguito alle indagini condotte dalla rivista Der Spiegel. La notizia ha lasciato tutti senza parole e la carriera del Ministro sembra essere ora in rapido declino.

La cena che ha scatenato la bufera

Secondo Spiegel un amico del Ministro avrebbe organizzato la cena a casa sua, presso la città di Lipsia. Jens Spahn si sarebbe recato sul posto dopo aver tenuto un discorso TV in cui esortava il popolo tedesco a restare a casa. Una dozzina di dirigenti d’azienda che erano presenti la sera sono stati invitati a contribuire alla campagna di rielezione di Spahn del 2021. Stando a quanto detto, ogni ospite ha dovuto donare 10.000 euro (8.600 sterline) per sostenere il lavoro dell’associazione distrettuale CDU Borken. Una volta tornato a Berlino, il giorno dopo la cena, il Ministro della sanità si è sentito male ed è risultato positivo al Covid-19. Tutti gli altri ospiti hanno invece presentato un tampone negativo e Spahn ha insistito sul fatto che il raduno ha rispettato tutte le norme sanitarie del momento. La cena resta comunque un luogo in cui il Ministro può aver contratto il virus ed è ancora oggetto di forti critiche. Britta Hasselmann, sua controparte del Partito Verde, ha affermato: “Jens Spahn sembra aver perso il suo istinto politico”.

Una carriera in declino

Giovane, intraprendente, sicuro di sé, Jens Spahn è il politico tedesco più popolare del 2020, grazie anche ai successi dalla sua campagna anti-Covid. A soli 22 anni è diventato deputato e nel 2018, all’età di 37 anni, Angela Merkel lo ha nominato Ministro della salute. Visti i consensi ottenuti, il Ministro è stato persino candidato a prendere il posto dell’attuale Cancelliera. Lo scorso novembre Spahn è arrivato al picco della sua popolarità, ottenendo l’approvazione di quasi due terzi della popolazione tedesca. I sondaggi parlavano chiaro, soprattutto in merito all’entusiasmo manifestato per la notevole gestione della pandemia da parte della Germania. Ma il declino di Spahn sembra destinato ad essere altrettanto ripido quanto la sua ascesa. Nell’ultimo sondaggio dello Spiegel, solo un terzo dei partecipanti ha detto di essere soddisfatto del lavoro del loro Ministro della salute. I tedeschi sono sempre più frustrati a causa delle promesse mai mantenute e del piano vaccinale che si è dimostrato un fallimento a confronto con le altre nazioni. Inoltre, alla luce dell’ipocrisia e dell’attuale inadeguatezza del suo ruolo, il signor Spahn sembra essere stato messo da parte nella corsa alla Cancelleria, perdendo la possibilità di succedere ad Angela Merkel.

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: ©Stephan Baumann / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *