Monaco e Berlino eliminano il termine “viaggiare in nero” dai mezzi pubblici

Monaco e Berlino eliminano il termine “viaggiare in nero” dai mezzi pubblici

Sia Monaco di Baviera che Berlino decidono di eliminare la parola schwarzfahren dai mezzi di trasporto pubblici per non ricadere in una dialettica razzista. Fahren-schwarz (letteralmente, viaggiare in nero) è il termine utilizzato per indicare il viaggio sui mezzi pubblici, in Germania, senza biglietto. Preoccupati che il termine “nero”, utilizzato in questo contesto e con questa tendenza, potesse urtare la sensibilità di alcune persone, i responsabili dei trasporti BVG di Monaco e Berlino hanno scelto di eliminare il termine schwarzfahren, che significa viaggiare in maniera non regolare.

Una scelta volta a favorire una comunicazione più inclusiva

Il motto riportato in ogni adesivo, comunicazione o avviso non sarà più ” La schwarzfahren ha un costo di 60 euro” ma “L’onestà viaggia più a lungo”. Così ha affermato l’associazione di trasporti tedesca MGV, ammettendo anche che questa è stata una mossa per avvicinarsi maggiormente al linguaggio contemporaneo. Alla fine del 2020 anche il senato di Berlino, dopo aver approvato un programma sulla diversità culturale, ha sollecitato la compagnia di trasporti locale BVG a sostituire il termine “viaggiare in nero” con “viaggiare senza biglietto valido”.

Le origini del termine schwarzfahren

Secondo il linguista tedesco Eric Füß l’espressione schwarzfahren deriva da “yiddish schvarts” che significa povertà. Il termine, perciò, non indicava un colore con intento razzista, ma piuttosto un significato classista. L’espressione era nata allo scopo di indicare quella categoria di persone così povere da non potersi permettere neppure l’acquisto del biglietto del mezzo di trasporto. Il comitato Schwarze Menschen in Deutschland (tradotto Black People in Germany) ha dichiarato: “Al di là del fatto che il termine non sia stato originariamente nato per denigrare i neri attraverso l’associazione con illegalità, il comportamento criminale o la frode, già decenni fa ha assunto questo significato per il linguaggio razzista presente in Germania”.

Leggi anche: Berlino, BVG lancia ‘biglietto della cultura’ per aiutare il mondo dell’arte

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: Treno arcobaleno, Screenshot da YouTube https://www.youtube.com/results?search_query=bvg+regenbogenexpress

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *