La fotografa anglo-berlinese che ritrae e intervista donne che non vogliono diventare madri

Zoë Noble, una fotografa inglese residente a Berlino, non vuole avere figli. Questo l’ha portata a fondare We are Childfree

Zoë Noble, una fotografa professionista inglese residente a Berlino, non vuole avere figli. Questo l’ha portata a fondare We are Childfree, un progetto che, attraverso una serie di ritratti e podcast, cerca di dare voce alle donne che come lei non vogliono diventare madri. Noble, purtroppo, ha avuto una brutta esperienza col suo medico quando, all’età di 32 anni non le ha voluto praticare l’isterectomia, un intervento di cui aveva bisogno per rimuovere un fibroma. Secondo il dottore, infatti, la donna avrebbe potuto ricredersi sulla sua decisione di maternità. Solo dopo diversi anni, Zoë Noble ha potuto subire l’intervento e stare finalmente bene. Ma questa è solo una delle tante storie che vedono come protagoniste donne a cui viene messa in dubbio la propria libertà di scelta. Noble ha raccolto diverse storie come la sua e le racconta attraverso le fotografie.

We are Childfree, l’idea dietro il progetto

Durante la pandemia, Zoë Noble ha intervistato e fotografato oltre 40 donne tra i 21 e i 78 anni. Nel suo studio ha scattato ritratti di donne che evitano la maternità, ognuna con la sua motivazione e la sua storia. L’obiettivo di Noble è cercare di ribaltare l’idea che una donna è completa solo se madre, un’idea ancora troppo radicata nella mentalità della nostra società. La fotografa vuole normalizzare l’idea di vivere come una donna senza figli. Spesso le donne che decidono di non procreare vengono etichettate come egoiste, fredde, come persone troppo incentrate sulla loro carriera o che non vogliono assumersi responsabilità. Per questo è molto difficile ammettere, soprattutto a se stesse, di non volere avere bambini. Noble ha iniziato il suo progetto per essere un sostegno per tutte le donne che si trovano nella sua stessa condizione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da We are Childfree (@wearechildfree_)

Alcune testimonianze

“A vent’anni volevo una chiusura delle tube. In quel periodo mi trovavo in Canada e mi hanno risposto: ‘No. Cambierai idea’. Questa risposta è stata sconcertante. Sentirsi dire: ‘Non puoi fare quella scelta per te stesso’, anche se avresti tutta la responsabilità di fare molte scelte avendo un figlio – c’è una disconnessione lì. Le persone si chiedono perché le donne sono infuriate. Non abbiamo autonomia sui nostri corpi, ecco perché”. Questa è la testimonianza di Guen Douglas, una designer franco-canadese di 41 anni residente a Berlino e childfree. Ha sempre saputo di non volere figli e quando si è messa con il suo partner attuale, ha confermato la sua decisione: i bambini non sono contemplati nella sua relazione e nella sua vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da We are Childfree (@wearechildfree_)

“Come fotoreporter, ho scattato per The Times of London e National Geographic; ho fotografato una cerimonia di iniziazione di un guerriero nel Kenya settentrionale; ho camminato per 17 miglia attraverso il deserto aspro per trovare un ghepardo – non avrei mai potuto avere queste esperienze se avessi avuto un bambino che mi aspettava a casa. Non sarei stata abbastanza libera mentalmente per realizzare il lavoro che stavo producendo. Mi sarei sentita in colpa se fossi stata via per mesi”. Marcy Mandelson, fotografa e documentarista americana, trapiantata a Berlino, spiega così le ragioni della sua scelta di non avere figli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da We are Childfree (@wearechildfree_)

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

 

Photo Cover © We are Childfree – Instagram

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *