Germania, finalmente 650mila vaccinazioni in un giorno

I dati del Robert Koch Institute registrano un grande aumento delle vaccinazioni in Germania che supera le 650mila inoculazioni al giorno

La Germania lancia un grande segnale nella lotta contro il Covid-19. Secondo i dati dell’Istituto Robert Koch, l’agenzia governativa federale per la prevenzione ed il controllo delle malattie infettive, nella giornata di mercoledì sono state inoculate 668,799 dosi, di cui 575mila come prima dose e 93mila come seconda. L’accelerata arriva in un momento cruciale considerato l’aumento dei casi di positività in seguito alle festività pasquali, che giovedì ha superato i 20mila positivi. La svolta è arrivata grazie all’aumento di centri per la somministrazione del vaccino. In tutti gli stati federali 35mila medici di famiglia hanno iniziato a vaccinare presso gli ambulatori di medicina generale.

Superato il record di vaccinazioni

Giovedì è stato superato il record di vaccinazioni giornaliere che era fermo a 367mila dosi. La percentuale di somministrazioni ha raggiunto il 14% per la prima dose, e il 6% per chi ha ricevuto entrambe. Il totale delle dosi somministrate dall’inizio della campagna sale cosi a 16,26 milioni, che porta la Germania a superare Israele e Russia nel totale delle iniezioni. L’aumento delle positività registrate nei giorni scorsi, che hanno raggiunto il picco di 20,407 casi nella giornata di giovedì, continua però a preoccupare il governo che cerca nuove soluzioni per contrastare il virus. Secondo The Guardian, il ministro della salute tedesco avrebbe fatto partire delle trattative con Mosca per ottenere il vaccino Sputnik V. L’obiettivo di Jens Spahn è quello di aumentare le vaccinazioni quotidiane senza attendere l’ok da parte dell’Unione Europea per l’acquisto delle dosi dalla Russia.

Più dosi grazie a Sputnik V

La richiesta del ministro della salute potrebbe aiutare la Germania a bypassare le recenti problematiche causate dalle altre case farmaceutiche. La limitazione della somministrazione di AstraZeneca solo agli over 60 e la riduzione delle forniture previste da Moderna segnalano ulteriori necessità di dosi. Bisogno ancor più necessario se si considera che solamente 900.000 dosi sono state ripartite tra 35mila ambulatori. L’obiettivo del governo Merkel è quello di non subire battute di arresto proprio nel momento in cui si è raggiunto un ritmo importante nelle vaccinazioni. Per raggiungere gli obiettivi prefissati il prima possibile sarà fondamentale ottenere il prima possibile l’autorizzazione da parte dell’EMA per l’utilizzo del vaccino Sputnik V.

 

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Fonte di copertina: CC0 Pixabay

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *