Video Danke Merkel dei KIZ

Danke Merkel, la canzone omaggio dei K.I.Z. alla leader tedesca dopo 16 anni di governo

Subito dopo le elezioni generali il gruppo hip-hop K.I.Z. ha rilasciato a sorpresa “Danke Merkel”, il singolo che omaggia, in maniera ironica, la cancelliera tedesca

Con “Danke Merkel” (Grazie Merkel), i tre rapper tedeschi K.I.Z. hanno voluto salutare ed omaggiare ironicamente Angela Merkel, l’ex cancelliera tedesca. Il brano è uscito alle 18.oo del 26 settembre, proprio nella fase più emozionante delle elezioni, in concomitanza con il rilascio dei primi risultati elettorali. Il video musicale, che conta quasi 700.000 visualizzazioni, ritrae il gruppo berlinese davanti alla Cancelleria federale di Berlino. Qui i tre artisti rappano e  salutano la leader tedesca, riprendendo ironicamente il suo famoso gesto del diamante.

Nel video i K.I.Z., con indosso un uniforme e nelle mani mazzi di fiori, ringraziano la leader tedesca, riferendosi a lei con il nome di “mamma”. Lo fanno riprendendo però tutte le assurde teorie e accuse che le sono state mosse da parte dei sostenitori dell’AfD, nazisti e Querdenker. Nel farlo citano sarcasticamente, tra le tante accuse, quella secondo cui i rifugiati sono pieni di soldi e la pandemia di corona è una distrazione per la ristrutturazione della Germania.

All’inizio della canzone avviene una telefonata fittizia tra il rapper Nico e la Cancelliera, il quale le comunica che rimarrà a capo della Germania, ironizzando sulla narrativa del “prevenire una scivolata a sinistra”, molto utilizzata dai partiti di centro destra (CDU/CSU) per ottenere voti e scongiurare una colazione tra i partiti di sinistra.

“Ey, Angie, äh, du / Wie, wie geht’s dir? / Ja? Bereit für den Ruhestand? (Äh) / Du bleibst ja der Boss, egal, welcher Kasper sich jetzt da vorne hinstellt / Äh, Linksruck / Ey, wenn Söder wüsste, ne?”

traduzione in italiano:

“Ehi, Angie, uh, tu come stai? / Sì? Pronta per la pensione? (Ah) / Tu rimani il capo, non importa quale Kasper sia lì in piedi adesso / Uh, spostati a sinistra / Ehi, se Söder lo sapesse, giusto?”

Il ritornello poi,  “grazie per la numerosa popolazione”, riprende una diffusa cospirazione di destra, secondo cui le élite segrete stanno pianificando di distruggere la cultura cristiana in Germania “sostituendo” il popolo tedesco con gli immigrati. Piano del quale Angela Merkel, come Cancelliera, è considerata responsabile:

“Danke Merkel, danke für die geile Zeit / Eine Frau als Kanzler, wir war’n alle live dabei / Danke Merkel für die große Umvolkung / Gemeinsam gegen Deutschland unter dem Deckmantel der Kunst”

traduzione in italiano:

“Grazie Merkel, grazie per l’ottimo momento / Una donna come Cancelliere, eravamo tutti lì dal vivo / Grazie Merkel per la numerosa popolazione / Insieme contro la Germania sotto le spoglie dell’arte.”

Riferendosi a lei con il nome di “mammina” (Mami), i K.I.Z. riprendono un’altra delle cospirazioni di destra che la riguardano. Essendo nata e cresciuta nella DDR, infatti, la Cancelliera viene accusata di rappresentare i valori comunisti e di essere segretamente coinvolta nella trasformazione della Germania in una nuova DDR:

“Woke up in a new Bugatti, von der Mami finanziert / Die Genossin steigt vom Thron und die Stasi salutiert / Im Hintergrund wird Deutschland umgebaut von der Kommunisten-Braut”

traduzione in italiano:

“Mi sono svegliato in una nuova Bugatti, finanziata dalla mamma / Il compagno scende dal trono e la Stasi saluta / Sullo sfondo la Germania viene ricostruita dalla sposa comunista”

 

Chi sono i K.I.Z.

Il gruppo hip-hop tedesco dei K.I.Z., formatosi a Berlino, è composto dai rapper Tarek Ebené (Tarek), Maxim Druner (Maxim) e Nico Seyfrid (Nico). Attivi dal 2000, i loro testi si distinguono per le note fortemente provocatorie. Attraverso il black humor e il linguaggio sessista criticano satiricamente la società, la politica e fenomeni come la vita nel precariato. Nel corso della loro carriera hanno più volte dimostrato il loro impegno politico, incitando le persone a partecipare a proteste antifasciste, denunciando le violenze contro gli immigrati e candidandosi, nel 2011, alle elezioni statali di Berlino con Die Partei, un partito satirico antifascista ed ambientalista.

I membri della band hanno suggerito numerosi significati per l’acronimo “K.I.Z.”, tra cui “Kriegsverbrecher im Zuchthaus” (criminali di guerra nel penitenziario), Kannibalen in Zivil (cannibali in borghese), Künstler in Zwangsjacken (artisti in camicia di forza),  Kommunismus ist Zauberhaft (il comunismo è magico), o Karotten, Ingwer, Zwiebel (carote, zenzero e cipolla). Il rapper Maxim nella sua autobiografia umoristica ha spiegato che i tre, che sono anche graffitari, hanno inventato la combinazione di lettere perché “suonavano molto aggressive”.

Il loro attuale album “Rap über Hass” (Rap sull’Odio), uscito nel maggio del 2021, si è posizionato ai primi posti delle classifiche musicali tedesche. Il singolo omonimo, uscito nel gennaio 2021, riprende, con toni violenti, diversi temi e discussioni sociali. Nel corso della loro carriera, inoltre, alcuni brani e video musicali come “Ein Affe und ein Pferd” (una scimmia e un cavallo) hanno suscitato accesi dibattiti nel Bundestag tedesco per aver glorificato la violenza.


Il gesto del diamante e “mammina” Merkel, gli omaggi alla Cancelliera

I ringraziamenti ironici si confondono con gli omaggi alla Cancelliera. Infatti, il gruppo rap K.I.Z. non è il solo ad aver pensato di renderle omaggio in questo modo. Un’azienda di giocattoli bavarese, ad esempio, ha ben pensato di salutare la cancelliera uscente creando un orsacchiotto con le sue fattezze. Il giocattolo, oltre ad avere la sua capigliatura, tiene le zampette nella famosa posizione a diamante. I giocattoli sono stati prodotti in numero limitato, ma uno degli orsacchiotti è stato ovviamente spedito ad Angela Merkel, con tanto di complimenti e saluti.

I primi di settembre, invece, un caseificio bavarese ha voluto renderle omaggio con un enorme cartello pubblicitario di 323 metri quadri. Nel poster compare la scritta “Tschüss Mutti“, ossia “ciao mammina” e le mani della Cancelliera nella solita e conosciuta posizione a diamante, con all’interno un bicchiere di latte. In basso “Gönn dir“, “conceditelo”, alludendo al riposo che le spetta dopo 16 anni da cancelliera.

Leggi anche: L’ultimo giorno di Angela Merkel. Ps: nel bene e nel male, ti vogliamo bene

Studia tedesco a Berlino o via Zoom con lezioni di gruppo o collettive, corsi da 48 ore a 192 €. Scrivi a info@berlinoschule.com o clicca sul banner per maggior informazioni

Non perderti foto, video o biglietti in palio per concerti, mostre o party: segui Berlino Magazine anche su Facebook, Instagram e Twitter

Immagine di copertina: screenshot dal video musicale “Danke Merkel” dei K.I.Z.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *